Home » prima pagina » Fumatori in calo sotto la Mole, ma sigarette e alcol restano tra i principali fattori di mortalità
L'abitudine di fumare almeno una sigaretta al giorno ha toccato il 24% della popolazione studentesca maschile e il 22% di quella femminile

Fumatori in calo sotto la Mole, ma sigarette e alcol restano tra i principali fattori di mortalità

di ilTorinese pubblicato mercoledì 31 maggio 2017

I fumatori sono  in calo a Torino e in Piemonte, anche se l’uso di tabacco e sostanze e l’abuso di alcool sono pur sempre  responsabili di una quota significativa della mortalità e del carico di malattia della popolazione regionale,  e il calo è in rallentamento negli anni più recenti. Secondo i dati  dell’indagine Passi, resi noti in occasione  della Giornata mondiale anti-tabacco, nel periodo 2011-2014 il 38% dei fumatori piemontesi di età  tra 18 e 69 anni diceva di aver cercato di smettere nell’ultimo anno. Il 91% di loro dichiarava di avere fatto il tentativo da solo, mentre  l’81% di non essere riuscito a smettere. In base allo studio Espad tra gli studenti di 15-19 anni il 61% di loro  ha provato almeno una volta a fumare, e il 23% ha fumato almeno una sigaretta  al giorno nell’ultimo anno. L’abitudine di fumare almeno una sigaretta al giorno ha toccato  il 24% della popolazione studentesca maschile e il 22% di quella femminile, e aumenta con l’età, fino a giungere al  37% tra i 19enni e il 36% tra le 19enni.