Home » CULTURA E SPETTACOLI » Florilegio barocco
Al Teatro Vittoria

Florilegio barocco

di ilTorinese pubblicato sabato 18 novembre 2017

Lunedì 20 novembre (Teatro Vittoria, ore 20) con il concerto Florilegio barocco prosegue la serie l’altro suono dedicata dall’Unione Musicale alla valorizzazione della musica antica e preclassica. Protagonisti saranno due musicisti italiani d’eccezione: il mezzosoprano Giuseppina Bridelli –apprezzata nei maggiori teatri europei e negli stati Uniti nel repertorio barocco e classico – e il clavicembalista Simone Ori, attivo come direttore, cembalista e organista con i più prestigiosi ensemble europei.La musica del Barocco italiano ama le tinte forti: gioia estrema o profonda disperazione, invidia, ira, vendetta, ironia, sarcasmo… tutti sentimenti e stati d’animo presenti in Florilegio barocco, che “mette in scena” musica vocale e strumentale pensata proprio per esprimere “gli affetti” con linee melodiche di assoluta bellezza e armonie sorprendenti, nobili, lievi o dolorosamente cromatiche.

 

Il programma alterna brani appartenenti a periodi e autori diversi. Si comincia con pagine di Monteverdi (di cui si celebrano i 450 anni della nascita) dal Settimo libro de Madrigali e dagli Scherzi Musicali, e si prosegue con le sfumature di Frescobaldi, il virtuosismo sfavillante di Vivaldi, l’intensità di Alessandro Scarlatti e le pagine intime di Barbara Strozzi e Benedetto Ferrari, per un vero e proprio “inno alla varietà”, che è una delle caratteristiche più spettacolari della musica barocca.

Ricco di sublimi gioielli musicali, famosi o meno noti, il programma mette in evidenza le abilità attoriali e i fascinosi colori vocali di Giuseppina Bridelli – particolarmente apprezzata nei ruoli di Cherubino e Despina –, e il virtuosismo di Simone Ori, raffinatissimo camerista impegnato qui anche come solista nella Toccata Nona dal Primo libro di Toccate di Frescobaldi e nelle Partite sopra La Follia di Spagna di Scarlatti.

 

«Rispetto alle esperienze in teatro – ha dichiarato Giuseppina Bridelli in un’intervista rilasciata in esclusiva per l’Unione Musicale – , dove il cantante è aiutato dalla regia, dalla messinscena e dai costumi, in concerto si è soli con la propria voce e la propria espressività. Ciò offre un’enorme libertà ai musicisti, che possono operare le proprie scelte interpretative, ma al tempo stesso i rischi sono molto maggiori: passare da un autore all’altro nel giro di pochi secondi, adattarsi a continui cambi espressivi ed emotivi espone a critiche di diversa natura. Ma in fondo è noto che noi cantanti siamo amanti del rischio…»

***

L’intervista completa è consultabile alla pagina http://www.unionemusicale.it/intervista-esclusiva-a-giuseppina-bridelli/poltrone numerate, euro 20 in vendita presso la biglietteria dell’Unione Musicale e online su www.unionemusicale.it

ingressi, euro 12, ingressi giovani fino a 21 anni, euro 5 –in vendita il giorno del concerto presso il Teatro Vittoria dalle ore 19.30

***

lunedì 20 novembre 2017

Teatro Vittoria – via Gramsci, 4 – Torino

ore 20

l’altro suono

 

Giuseppina Bridelli / mezzosoprano

Simone Ori / clavicembalo

FLORILEGIO BAROCCO

Claudio Monteverdi (1567-1643)

da Settimo libro de Madrigali: Con che soavità

da Scherzi Musicali: Voglio di vita uscir – Maledetto sia l’aspetto

 

Girolamo Frescobaldi (1583-1643)

Così mi disprezzate da Primo libro d’Arie musicali

Toccata Nona da Primo libro di Toccate

 

Antonio Vivaldi (1678-1741)

Aria da Piango, gemo, sospiro e peno, Cantata RV 675

Qual per ignoto calle, Cantata RV 677

 

Alessandro Scarlatti (1660-1725)

Partite in re minore sopra La Follia di Spagna

Andate, o miei sospiri, Cantata n. 42

 

Barbara Strozzi (1619-1677)

Lagrime mie da Diporti di Euterpe

 

Benedetto Ferrari (1603 circa – 1681)

Amanti io vi so dire da Musiche varie a voce sola 

Scheda concerto con approfondimenti e materiali multimediali

http://www.unionemusicale.it/concerti/giuseppina-bridelli-mezzosoprano-simone-ori-clavicembalo-torino-unionemusicale-20112017/