Home » prima pagina » Firme tarocche in Regione, 11 indagati nel Pd ma il Chiampa e Gariglio restano saldi al timone
Mentre il Tar ha deciso che i ricorsi presentati contro le liste di Chiamparino alle Regionali 2014 non sono sufficienti a far decadere Giunta e Consiglio

Firme tarocche in Regione, 11 indagati nel Pd ma il Chiampa e Gariglio restano saldi al timone

di ilTorinese pubblicato venerdì 24 luglio 2015

chiampa manifesto

Emergono tre nomi nuovi di esponenti Pd iscritti nel registro degli indagati. Si tratta del consigliere regionale Daniele Valle e della consorte Alessandra Orlandi, oltre a Salvatore Palermo

 

Sulla vicenda delle firme false in Regione sono 11 gli indagati dai pm Patrizia Caputo e Stefano Demontis. E’ loro  contestato di aver commesso irregolarità in veste di pubblici ufficiali nell’autenticare le firme, o di aver persino falsificato  materiamente il contenuto dei moduli, alcuni dei quali sarebbero del tutto “taroccati”. Emergono tre nomi nuovi di esponenti Pd iscritti nel registro degli indagati. Si tratta del consigliere regionale Daniele Valle e della consorte Alessandra Orlandi, oltre a Salvatore Palermo. Sarà chiesta  l’archiviazione per la consigliera regionale Nadia Conticelli e per altri quattro esponenti dem: Umberto Perna, Carola Casagrande, Gianni Ardissone e Giuseppe Agostino. Poichè, come è noto, il Tar ha deciso che i ricorsi presentati contro le liste di Chiamparino alle Regionali 2014 non sono sufficienti a far decadere la Giunta e il Consiglio e dato che la direzione regionale dem ha riconfermato alla guida il segretario, Sergio Chiamparino e Davide Gariglio restano saldamente al timone – nei rispettivi ruoli di governatore e respansabile regionale – della Regione e del partito. L’inchiesta aveva preso il via dall’esposto dei leghisti Mario Borghezio e Patrizia Borgarello. Sic transit gloria mundi.

 

(Foto: il Torinese)