Home » prima pagina » Firme regionali tarocche, Chiamparino: “Se a luglio non c’è chiarezza si torna alle urne”
LA VIA CRUCIS DEL GOVERNATORE: LE INCHIESTE SULLA TORRE DI FUKSAS E SUI GETTONI GONFIATI IN CIRCOSCRIZIONE. LA GOCCIA CHE FA TRABOCCARE IL VASO E' IL RICORSO SULLE FIRME

Firme regionali tarocche, Chiamparino: “Se a luglio non c’è chiarezza si torna alle urne”

di ilTorinese pubblicato martedì 24 febbraio 2015

chiamp consiglio

La goccia  che ha fatto traboccare il vaso è stata stillata dalla dichiarazione di ammissibilità da parte del Tar del ricorso leghista sulle presunte firme false raccolte per la sua elezione a presidente regionale

 

Le criticità di queste ultime settimane si sono materializzate prima sotto forma di stress per Rimborsopoli che ha visto inguaiati (anche se poi “graziati”) alcuni componenti della sua maggioranza. Le cose sono ulteriormente peggiorate con l’inchiesta sulla torre regionale di Fuksas e – al peggio non c’è mai fine – con l’inchiesta sui gettoni gonfiati per gli assessorini Pd alla Circoscrizione 5. Ma la goccia  che ha fatto traboccare il vaso è stata stillata dalla dichiarazione di ammissibilità da parte del Tar del ricorso leghista sulle presunte firme false raccolte per la sua elezione a presidente regionale. E così lui, Sergio Chiamparino, ha dichiarato: “Se il 9 luglio, o intorno a quella data, non ci sarà una sentenza chiara e inequivocabile, sono pronto a restituire la parola agli elettori”. Il governatore è intervenuto alla direzione regionale dem, convocata per discutere sulla vicenda delle presunte firme tarocche per la presentazione delle sue liste. I giochi sono ancora aperti e ne vedremo delle belle.