Home » POLITICA » FinPiemonte e i controlli della politica
Penso che i politici nel dettare e decidere nuove regole debbano usare strumenti idonei di verifica

FinPiemonte e i controlli della politica

di ilTorinese pubblicato lunedì 16 aprile 2018

STORIE DI CITTA’ di Patrizio Tosetto

E’ difficile capire come sia possibile far “sparire” 11 milioni di euro e nessuno che se ne sia accorto. I bilanci sono stati approvati, certificati e revisionati. Prima dell’arrivo di Ambrosini tutto regolare. Una mia esperienza personale: 12 anni fa sono stato nominato amministratore delegato della Soprim, società controllata da FinPiemonte. Venni scelto dalla presidente Mercedes Bresso. Il presidente di FinPiemonte, Prof Mario Calderini, mi propose al cda. Un consigliere che mi conosceva obiettò: “nulla in contrario sulla persona, ma mi risulti essere presidente di una cooperativa. E’ incompatibile”. Mi dimisi e presentai il mio nuovo curriculum. Solo a questo punto venni eletto consigliere  Soprim e nominato amministratore delegato con poteri di firma cointestati con il presidente della società. Ogni mese ci riunivamo verbalizzando le riunioni che approvavamo la seduta successiva. Partecipavano a tutte le sedute i sindaci che ogni tre mesi verificavano prima nota ed atti amministrativi. A fine anno l’atto notarile per la vendita di un’ area edificabile industriale nel Torinese. L’impresa che voleva firmare avrebbe voluto saldare con assegni non circolari, beneficiando di agevolazioni fiscali firmando entro dicembre. Io mi rifiutai,  visto che gli assegni normali non garantiscono. Un mese dopo avremmo firmato. Sia i sindaci che gli amministratori, resi edotti del mio operato, lo approvarono, e nella relazione di bilancio fu annotato  tutto. Poi FinPiemonte si scorporò tra FinPiemonte finanziaria e FinPiemonte partecipate . FinPiemonte chiese autorizzazione a Banca d’ Italia di diventare Banca. Autorizzazione concessa.

***

Oggi 11 milioni di euro l’ammanco, 5 derivati da operazioni finanziarie sbagliate riconducibili alla società intenzionale con sede in Svizzera. Qui la prima domanda: perché FinPiemonte non ha agito in proprio? Secondo, scrivono i giornali che sono stati trasferiti 50 milioni a questa finanziaria e Fabrizio Gatti non aveva i poteri di trasferite queste cifre. Terzo. 6 milioni sono stati pagati dalla finanziaria ad una società in liquidazione, Fabrizio Gatti liquidatore. Il bonifico richiesto ed autorizzato da Torino con firma del presidente che ora sostiene non essere la sua firma. Se ho capito bene della copia di questo bonifico non c’è  traccia a Torino  ma è esibita dagli svizzeri.  Stefano Ambrosini diventato presidente scopre il tutto denunciando anche in procura. E’ stato anche consulente di Gem, società beneficiaria dei 6 milioni . Società che ha gravitato nell’ area di un importante gruppo piemontese che si occupa del sistema autostradale piemontese. E’ noto che Fabrizio Gatti ha ventennali rapporti con questo gruppo. Ambrosini precisa che per la consulenza ha delegato un suo collega e di avere avuto una fattiva collaborazione dalla direttrice di FinPiemonte. Sembrerebbe comunque che il ventennale rapporto tra Gatti ed il gruppo si intersechi con il suo ruolo di presidente e prima di vicepresidente. Ora si difende sostenendo che le firme sul bonifico non sono sue e stabilirlo é compito della Magistratura.   E l’oggetto del contendere è la natura di queste firme . Siamo di fronte a rapporti consolidati nel tempo, almeno ventennali.  Gatti fu nominato dalla giunta Cota sicuramente su proposta del Gruppo regionale del PD, capogruppo Aldo Reschigna che ora è vice di Chiamparino.  Le dimissioni di Massimo Feira hanno fatto il resto e Chiampa conferma Gatti.  La domanda viene spontanea: solo nel mio caso si è posto il problema dell’incompatibilità? Ovviamente non è personale la considerazione ma penso che nel caso Finpiemonte  sia mancata  non solo una verifica sull’operato ma pure una verifica sulle compatibilità dei ruoli. Penso anche che le attuali polemiche in Consiglio regionale siano sterili e strumentali. E penso che la politica ed i politici nel dettare e decidere nuove regole debbano usare – se fino ad oggi non è accaduto – strumenti idonei di verifica.