Home » LIFESTYLE » Finchè morte non ci separi
PER DARE VOCE A QUELLE DONNE CHE NON POSSONO PIÙ PARLARE

Finchè morte non ci separi

di ilTorinese pubblicato venerdì 21 novembre 2014

elette2elette 1In questi anni la Consulta delle Elette e la Regione Piemonte si sono molto attivate nel tentativo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della violenza, proponendo iniziative e ricercando le forme più idonee per fronteggiare questo drammatico e, purtroppo ancora irrisolto, problema

 

“Come rappresentanti delle istituzioni abbiamo il dovere di tutelare e difendere i diritti delle donne e non dobbiamo permettere che alcuni vili comportamenti sporchino una società come la nostra che dovrebbe essere basata sul rispetto dei diritti umani. Abbiamo il compito morale ed istituzionale di divulgare il messaggio che la diversità di genere è una ricchezza e non un pretesto per maltrattare o addirittura annientare psicologicamente e fisicamente il genere femminile. È assurdo anche solo immaginare che possano esistere affermazioni come <<donne uccise in quanto donne>>”.

 

Con queste parole il presidente dell’Assemblea regionale Mauro Laus, ha presentato il progetto realizzato dalla Consulta delle Elette del Piemonte in collaborazione con l’associazione culturale LiberiPensatori Paul Valéry, in una conferenza stampa tenutasi il 20 novembre presso palazzo Lascaris, in occasione della giornata internazionale contro la violenza alle donne.

 

In questi anni la Consulta delle Elette e la Regione Piemonte si sono molto attivate nel tentativo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della violenza, proponendo iniziative e ricercando le forme più idonee per fronteggiare questo drammatico e, purtroppo ancora irrisolto, problema.

 

La proposta di quest’anno è appunto il progetto “Finché morte non ci separi”, originale e straordinario spettacolo teatrale sul femminicidio che,attraverso recite e laboratori teatrali realizzati all’interno di alcuni istituti superiori della regione (tra cui anche il Ferrante Aporti, l’istituto penale per i minorenni), vuole sensibilizzare e coinvolgere i giovani di tutto il Piemonte su un tema molto importante e sentito all’interno della nostra società, comequello della violenza di genere.

 

Cinque incontri nelle scuole e altrettanti spettacoli teatrali – dal 25 al 28 novembre – per sensibilizzare gli studenti e i cittadini piemontesi sui temi legati al femminicidio. Questo progetto desidera dimostrare come, anche attraverso l’arte scenica, sia possibile far dire no alla violenza e come sia possibile dare una voce a quelle donne che ormai purtroppo voce non hanno più.

 

Alla presentazione erano presenti oltre al Presidente Mauro Laus anche la vicepresidente del Consiglio regionale Daniela Ruffino, delegata alla Consulta, il Garante regionale per i detenuti Bruno Mellano e le due attrici (nonché anche ideatrici) dello spettacolo, Stefania Rosso e Manuela Grippi. All’incontro hanno preso parte, tra gli altri, anche l’assessore regionale alle Pari opportunità Monica Cerutti e il consigliere Alessandro Benvenuto.

 

Non possiamo che complimentarci con la Regione Piemonte e con l’associazione culturale LiberiPensatori Paul Valéry e ci auguriamo che iniziative e progetti come questo possano continuare ad esistere per rendere l’ Italia uno Stato dove il diritto per una donna di vivere in piena libertà non debba più essere chiesto ma semplicemente rispettato. Una battaglia questa culturale, sociale ed istituzionale : “finchè morte non ci separi, finché vita non ci unisca”.

 

Simona Pili Stella