Home » Brevi di cronaca » Finanzieri nei guai per richiesta di massaggio cinese
SENTENZA DI CONDANNA CONFERMATA DALLA CASSAZIONE

Finanzieri nei guai per richiesta di massaggio cinese

di ilTorinese pubblicato sabato 23 luglio 2016

finanzaDue militari della Guardia di finanza, a Torino, fecero alla titolare di un centro massaggi la proposta di evitarle sanzioni in cambio di un massaggio intimo.  L’episodio, dell’ottobre del 2010, ha procurato una condanna a 24 mesi di carcere con la condizionale per il reato di “induzione indebita a dare utilità”, confermata in Cassazione. I due finanzieri erano andati al centro massaggi per un controllo sul rilascio delle ricevute fiscali. L’accusa sostiene che un cliente era appena uscito senza lo scontrino, e i due avrebbero detto alla titolare cinese  che potevano farle multe fino a 12 mila euro per ogni lavoratrice non in regola. Uno di loro si presentò la sera stessa chiedendo, senza esito, anche un particolare trattamento intimo. Poi tornarono entrambi il giorno dopo e chiesero  “un massaggio gratuito a quattro mani”. Ma la titolare registrò le loro parole e presentò una denuncia.