Home » Cosa succede in città » Figli di tanto padre
MARINELLA VENEGONI

Figli di tanto padre

di ilTorinese pubblicato venerdì 17 ottobre 2014

venegoniIl noto critico musicale della Stampa ritrova i suoi dischi ora conservati presso la Biblioteca civica musicale Andrea Della Corte

 

A un anno di distanza dalla donazione fatta da Marinella Venegoni (nella foto) alla Città di Torino, consistente nel suo intero patrimonio musicale: 20 mila pezzi tra vinili a 78 e 33 giri, cd, libri, una collezione che spazia tra epoche e generi musicali diversi, il noto critico musicale della Stampa ritrova i suoi dischi ora conservati presso la Biblioteca civica musicale Andrea Della Corte.

 

L’occasione è offerta dalla serie di tre eccezionali incontri dedicati a tre dei più grandi esponenti della musica d’autore del Novecento italiano: Giorgio Gaber, Enzo Jannacci e Fabrizio De Andrè. Tre incontri tra aneddoti e testimonianze di vita vissuta con i figli di questi tre grandi, rispettivamente con Dalia , Paolo e Cristiano.

 

Marinella Venegoni ha dialogato in un incontro tra parole e musica con Dalia Gaberscik venerdì 10 ottobre; venerdì 17 ottobre sarà la volta di  Paolo Jannacci; mercoledì 12 novembre,infine, chiuderà la serie”Figli di tanto padre” Cristiano De Andrè. “Spesso la musica popolare- commenta la Venegoni -è stata ignorata dalle istituzioni.

 

Ad esempio, cosa è successo a Jannacci : hai sentito un discorso pubblico in sua memoria?” E, parlando della sua donazione, l’ha definita “un lascito che parla di amore universale attraverso l’arte della musica. Ho raccolto tutta la “mercanzia” accumulata nel mio lavoro a La Stampa dall’82 ad oggi, e ho deciso di metterla a disposizione, fisicamente e on line, di tutti gli appassionati, gli studiosi e i curiosi che si vorranno intrufolare in un mondo che è stato bellissimo ma che non c’è più”.

                                                                    Mauro Reverberi