Home » Sport » FIAT TORINO VOLA CONTRO CANTU’ E CONTINUA A SOGNARE
FIAT TORINO – MIA CANTU’ 87-76

FIAT TORINO VOLA CONTRO CANTU’ E CONTINUA A SOGNARE

di ilTorinese pubblicato mercoledì 29 marzo 2017

Di Manuela Savini

A sei partite dalla fine del campionato, Fiat Torino continua a sognare in previsione play off e lo ha dimostrato ampiamente domenica contro Cantù. Energia, forza, lucidità, gioco di squadra e concretezza hanno consentito alla squadra di casa di bloccare una formazione avversaria che arrivava da tre successi consecutivi. Torino ha meritato di vincere ed il nuovo innesto americano, Ryan Hollins, ha contribuito a trascinare la squadra verso la vittoria.

In classifica, a sorpresa, Milano è stata fermata da Pistoia (74-85), senza tuttavia vedere compromessa la sua corsa verso lo scudetto; Venezia ha, invece, vinto e grazie alla sconfitta di Avellino, ha conquistato in solitaria il secondo posto; mentre le vittorie di Sassari e Reggio Emilia, da una parte, e le sconfitte di Capo d’Orlando e Trentino, dall’altro, hanno consentito a Torino e Brindisi di avvicinarsi alla zona “play off”della classifica.Per raggiungere l’obiettivo di stagione, Fiat Torino dovrà lottare fino all’ultimo incontro, ma con la vittoria su Cantù ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per farlo.

Prossimo incontro in casa, domenica 2 aprile alle ore 19.30, per la sfida Fiat Torino vs Flexx Pistoia

CLASSIFICA (24a giornata): Milano 40; Venezia 32; Avellino 30; Capo d’Orlando e Trentino 28; Sassari e Reggio Emilia 26; Brindisi e Torino 24; Pistoia 22; Brescia, Cantù e Varese 20; Caserta 18; Pesaro 14; Cremona 12.

***

Nella 9a giornata di ritorno, il coach Vitucci aveva ancora una ‘situazione infermeria’ critica seppure migliore rispetto alla settimana precedente e probabilmente non si sarebbe aspettato una così bella prestazione da parte dei suoi ragazzi. Il nuovo innesto Hollins si è subito ambientato e ha saputo dare un gran contributo alla squadra, dall’alto della sua esperienza e delle tante partite giocate nell’NBA, consentendo di verticalizzare maggiormente il gioco ed infondendo, probabilmente, una maggiore fiducia nelle capacità di ciascuno dei suoi compagni. E così anche Poeta, seppure nessuno avesse mai dubitato delle sue doti, ha disputato una delle sue migliori partite della stagione giocando complessivamente per trentaquattro minuti, mettendo a segno quattro triple su cinque (con l’80% di realizzazione) ed una lunetta su quattro (25%), realizzando un totale di sedici punti e conquistando cinque rimbalzi. Alibegovic è tornato a segnare le sue magiche bombe da tre punti e Okeke ha dimostrato di essere un altro giovane su cui la società deve continuare a puntare. A dimostrazione dell’ottima prestazione di squadra, sono il numero dei giocatori andati in doppia cifra: Harvey (18), Poeta (16), White (13) e Hollins (12). I fatti pare abbiano dato ragione al direttore generale, Renato Nicolai, che, prima della partita, aveva presentato il nuovo ‘rooster’ della squadra come “un giocatore che corre bene, rolla velocemente ed ha nel salto una delle armi in più. Predilige il gioco aereo e sa difendere. Tutto questo dall’alto dei suoi 2 metri e 15 centimetri. Conosce bene alcuni nostri giocatori e si è fatto apprezzare dal gruppo per il modo con cui si è presentato, senza fare il protagonista assoluto dall’alto della sua lunga militanza in NBA. Una pedina in più a disposizione di coach Vitucci“.Nel primo tempo, Fiat Torino è scesa in campo con Wilson, Okeke, Hollins, Harvey e Poeta, mentre per Cantù sono stati schierati Calathes, Pilepic, Johnson, Dowdell e Cournooh.

Fin dai primi minuti,Torino è stata spettacolare grazie a Hollins, Poeta e Wilson; è subito andata in vantaggio e, grazie alla sua maggiore velocità di gioco, è riuscita a portarsi a +14 punti in chiusura del primo quarto (25-11). Nel secondo quarto, Torino ha continuato a giocare con la stessa energia dei primi dieci minuti. Alibegovic è tornato protagonista con le sue triple da tre punti e Hollins ha continuato a distinguersi in tutte le zone del campo. Le squadre sono andate a riposare sul punteggio di 48-32 per Torino. La prestazione entusiasmante di Torino dei primi venti minuti è proseguita anche nel terzo e quarto tempo ed, a differenza di altre partite, domenica, Fiat ha saputo giocare per tutta la durata dell’incontro con la stessa energia, freschezza e determinazione della prima frazione di gioco. Questo ha consentito alla squadra di casa di tenere a bada gli avversari senza concedere nulla, impedendo a Cantù di mantenere la media di ottantotto punti delle ultime tre partite ed arginando, sin dall’inizio, ogni tentativo di recupero. Fiat Torino ha così mantenuto il vantaggio accumulato, portandosi persino a +20 nel terzo quarto -salvo chiuderlo a +16- e terminando definitivamente il match con undici punti di margine sul punteggio finale di 87-76.

***

Queste le formazioni:

 

FIAT TORINO: Wilson 0, Harvey 1, Parente 4, Poeta 8, Alibegovic 5, Wright 2, Washington 17, Okeke 18, Cuccarolo 14, Hollins 15, Vitale 23, Crespi 33; All. Vitucci.

CANTU’: Acker 10, Ballabio, Cournooh 3, Baparapè, Parrillo 6, Pilepic 14, Calathes 3, Callahan 4, Darden 14, Dowdell 9, Quaglia 5, Johnson 8; all. Recalcati

***

Queste le dichiarazioni a fine partita:

Coach Vitucci: “Un’ottima e meritata vittoria. Come ha detto Sandro Gamba che abbiamo avuto l’onore di ospitare negli ultimi due giorni, questo non è solo un gruppo. E’ una squadra, un team. L’abbiamo dimostrato in campo al termine di una settimana difficile dal punto di vista clinico e fisico. La squadra ha fatto quello che volevamo facesse, anche mettendo in campo cose creative e provate poco in allenamento a causa dei tempi ridotti. La chiave del successo è da ricercare nel fatto di aver tenuto Cantù a 76 punti, dopo che ne aveva conquistati 88 di media nelle ultime tre partite. Così aver ridotto la loro percentuale da tre al 34% rispetto a quella fatta registrare nelle ultime uscite, ovvero del 47%. Abbiamo messo cinque giocatori in doppia cifra e giocato un ottimo primo quarto che ha dato l’imprinting giusto al match. In questo siamo stati bravissimi ottenendo una grande iniezione di fiducia, risposte e certezze. Ottimo il recupero di DJ White, per un’infermeria nel complesso un po’ meno piena e dalla quale aspettiamo risposte nei primi giorni della prossima settimana. Okeke è un diamante grezzo che tutta la società, staff e compagni sono impegnati a far crescere. Il suo impiego deve essere dosato sfruttandone il potenziale senza mandarlo allo sbaraglio. Hollins è stato un ottimo innesto, per fisicità e capacità di comunicare con gli altri. Un perfetto inserimento il suo. Come ottimo è stato il match di Alibegovic, per punti, assist e scelte. Sta lavorando durissimo in allenamento. Alla fine eravamo stanchi ma soddisfatti.”.

Coach Recalcati: “E’ onesto riconoscere che la partita è sempre stata controllata da Torino, con noi in costante difficoltà, al di là delle statistiche. Torino ha messo in campo maggior energia, quella che noi non abbiamo dimostrato di avere. Un match che doveva darci delle risposte per capire se guardare oltre o pensare alla pratica salvezza, per la quale siamo pienamente in corsa, rimanendo con i piedi per terra. Avremmo dovuto mettere sul terreno di gioco più maturità. Non siamo ancora pronti per i play-off. Torino può provarci. Le nostre problematiche ci sono e dovremo conviverci fino alla fine del campionato. Il rendimento delle due squadre, nettamente diverso nel primo tempo, ha segnato la partita in favore di Torino”.

Ryan Hollins: “Per me è la prima volta in Italia e l’impatto è stato positivo. Non pensavo di trovare tante similitudini con il mio Paese, vedi il traffico e la moda, così di incontrare tanti soggetti capaci di esprimersi bene in inglese. Il Presidente e l’intero staff della Società mi hanno accolto in modo splendido facendomi sentire a casa. Sono molto felice di essere qui e pronto a cogliere questa opportunità. Il basket è un gioco semplice, occorre allenarsi duramente e giocare duro, soprattutto rispettarlo. Mi ritengo complementare a DJ White e Jamil Wilson, giocatori che hanno tanti punti nelle mani. Il segreto sarà giocare di squadra e comunicare molto per ottenere il massimo. Sono eccitato dall’idea di scendere in campo e ho subito sentito di essere desiderato dalla squadra. Le motivazioni non mi mancano e ritengo di essere attualmente all’80% della forma. Con la maglia di Boston giocando a fianco di tanti big che mi hanno inculcato il piacere del gioco prima ancora dell’importanza del guadagno. Avrei potuto ancora attendere qualche chiamata dall’NBA ma mi ero stufato di allenarmi da solo. Così ho deciso di provare l’esperienza europea anche se non è mai facile cambiare radicalmente scenari. Al contempo si tratta di una scelta che permette a me e alla mia famiglia di conoscere nuove realtà, persone, situazioni di vita. Direi arricchente e non solo sotto il profilo sportivo. In Spagna sono stato sorpreso per i pochi minuti d’impiego anche se considero quella appena conclusa un’esperienza comunque positiva”.

 

Foto: Fiat Torino Auxilium