Home » Sport » FIAT Torino – Trieste, la prima vittoria è arrivata
Il grande basket visto da bordo campo

FIAT Torino – Trieste, la prima vittoria è arrivata

di ilTorinese pubblicato lunedì 15 ottobre 2018

Finalmente, come la pioggia dopo un periodo di strana siccità, la prima esultanza al Palavela è giunta per tutti i tifosi di Torino della pallacanestro professionistica

Sicuramente perfettibile, la squadra ha però dimostrato, nelle ondate ad alta intensità, come il potenziale a disposizione sia di notevole fattura. Certo, la squadra di Trieste non era al completo, ma alla Fiat Torino non sono mai state concesse le attenuanti per le defezioni per infortunio negli anni precedenti, così come a molti non interessa che solo da pochi giorni la squadra si alleni al completo e che per di più sia, per motivi di salute, senza la sua guida principe, the legend Larry Brown, e quindi, pur osservando ciò che capita, diamo i giusti meriti a chi ha fatto il proprio dovere, vincendo con una squadra che ha giocato libera da pensieri. E’ stata, come ormai sembra essere divenuto il basket moderno, una partita “ad onde”: a tratti domina una squadra, a tratti si spegne e riparte l’altra fino alla fine dei 4 tempi regolamentari e a volte anche oltre. In particolare, però esiste una curiosità regolamentare che non abbiamo per nulla compreso. Dopo la contesa iniziale, la Fiat Torino conquista la palla, ma dopo 18 secondi le viene fischiata infrazione di 24 secondi! Se fosse stato un errore di uno qualsiasi dei due tabelloni, cosa sicura anziché probabile, due avrebbero potuto essere le soluzioni: la prima, che il cronometro dei 24 secondi fosse corretto e si fosse bloccato quello generale e quindi palla a Trieste e cronometro portato a 9’36” da giocare; la seconda, cronometro generale corretto ed errore di quello dei 24”, e quindi palla ancora a Torino per 6”. Ma la soluzione adottata è stata palla a Trieste con 9’42” sul tabellone principale. Io credo di aver perso qualcosa, ma anche tutto il pubblico non ha compreso. Tornando al basket giocato, potremmo osservare che l’inadeguatezza per infortuni di Trieste ha costretto la loro squadra a provare a giocare la più antica zona 2 1 2 “da campetto” come non si vedeva da anni e, a tratti, ha dato i suoi frutti sorprendendo i nostri che, giocando forse un pochino troppo statici, si sono lasciati imbalsamare in un movimento stagnante, quando invece sembra evidente come questa squadra sia stata costruita per correre. Comunque è stata una buona esperienza per cominciare a giocare contro differenti atteggiamenti tattici. Non c’era dubbio su quale fosse la squadra più forte in campo, ma restava da stabilire chi riuscisse a vincere, e in questo vediamo il lato positivo: la FIAT Torino arrivava da un periodo discusso e anche in difficoltà ha reagito chiudendo bene una partita che aveva ben più di un’insidia nascosta nelle pieghe della mente e della tensione latente che sembrava aleggiare fino a ieri sera. I singoli: Tony Carr ha tolto le castagne dal super fuoco quando serviva e Wilson sta tornando quello di un tempo anche se a tratti si dimentica del suo enorme potenziale. Gli altri, a turno, danno il loro contributo a volte in attacco e a volte in difesa, ma alcuni passaggi a vuoto in difesa sono da rivedere. Abbiamo avuto i primi segni di “pinna” del nostro Delfino… e anche Cusin ha cominciato a far vedere la qualità che sarà necessaria nei prossimi turni. Tralasciando alcuni problemi di inizio stagione per la gestione del nuovo Palavela che siamo sicuri verranno prontamente risolti in previsione delle prossime partite, il pubblico in generale ha reagito bene ovviamente alla vittoria, anche se il segnale di quanto stia crescendo la voglia di basket a Torino è proprio nei commenti del pubblico stesso che desidera sì vincere, ma vuole anche il super spettacolo.

 

Paolo Michieletto

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE