Home » prima pagina » Referendum, il No vince anche a Torino: 53,6% contro 46,4. Le prime reazioni dei politici
ANCHE SOTTO LA MOLE SI CONFERMA LA TENDENZA NAZIONALE SEPPURE CON UNO SCARTO INFERIORE PARI A CIRCA DIECI PUNTI PERCENTUALI

Referendum, il No vince anche a Torino: 53,6% contro 46,4. Le prime reazioni dei politici

di ilTorinese pubblicato domenica 4 dicembre 2016

referendum-3Anche a Torino, seppure con un distacco inferiore rispetto al dato nazionale, il No vince sul Sì nella consultazione referendaria del 4 dicembre. Ecco i dati finali dello scrutinio, relativi alla città, pubblicati dal sito del Comune di Torino:

SI 209.906 46,44
NO 242.124 53,56

risultati dello scrutinio dei voti

I PRIMI COMMENTI

Stefano Esposito (Pd, parlamentare):

Gli italiani hanno scelto Presidente @matteorenzi come aveva detto si è dimesso. Discorso perfetto. Ora ci penserà il Presidente Mattarella

***

Davide Gariglio (Pd, segretario regionale)

È stata una battaglia difficile, ma siamo orgogliosi di averla combattuta. Lo abbiamo fatto con convinzione, non smetteremo di farlo.

***

Sergio Chiamparino (Pd, presidente della Regione) fonte: Ansa

Ora, come sottolineato da più parti, occorre ricostruire sia nel Paese che nel partito un terreno di confronto che non faccia arretrare l’Italia dai passi in avanti compiuti in questi ultimi anni sul piano delle riforme.

***

Fabio Versaci (M5S, presidente Consiglio comunale di Torino):

La Costituzione NON si tocca.

***

Riccardo Molinari (Lega Nord, segretario regionale):

Ha vinto il Popolo, contro tutto e tutti. Questa notte ripaga di anni di sacrifici e lotte. Questa notte dimostra che la passione e battaglia politica, in questo mondo dominato dai media e dai soldi, ha ancora valore e senso. Grazie a tutti i compagni di viaggio di questa avventura, abbiamo fatto qualcosa di straordinario. Abbiamo salvato la democrazia e l’autonomismo nel nostro Paese.

***

Gilberto Pichetto (Forza Italia, coordinatore regionale):

A proposito di Renzi inutile nascondere che questo è anche un voto con un grande valore politico ed è un voto contro il premier ed il suo governo che da domani dovrà fare i conti con la realtà: governare e cercare di cambiare le regole del gioco senza il consenso popolare porta inevitabilmente a cozzare contro quell’incredibile scudo chiamato democrazia.