Home » prima pagina » Caso Eternit tra rabbia, delusione e (poca) speranza
IL MONITO DELL'ARCIVESCOVO NOSIGLIA: "E' UNA TRAGEDIA E LA GIUSTIZIA DEVE DARE SEGNI CONCRETI"

Caso Eternit tra rabbia, delusione e (poca) speranza

di ilTorinese pubblicato venerdì 21 novembre 2014

ETERNIT FABBRICA

Spuntano le carte processuali da cui emergerebbe il tentativo dell’azienda di insabbiare la pericolosità dell’amianto: “Dobbiamo combattere con tutti i nostri mezzi” affinchè l’amianto non venga screditato nei confronti dell’opinione pubblica

 

Per i familiari delle vittime della fabbrica della morte le speranze che – dopo la sentenza choc della Cassazione – venga fatta un po’ di giustizia restano appese a tre inchieste in corso a Torino per il caso Eternit. La prima riguarda l’ accusa contro Schmidheiny per omicidio volontario per a morte causata da  mesotelioma di 213 persone. La seconda è relativa alle morti degli italiani che lavoravano negli stabilimenti del gruppo industriale in Svizzera e Brasile. Il terzo ha invece a che fare con  le fabbriche di Balangero, su cui uno studio epidemiologico commissionato dal giudice Raffaele Guariniello ha trovato le prove di 214 decessi riconducibili al contatto con l’ amianto bianco. Il magnate Schmidheiny è indagato perché la fabbrica di Balangero faceva parte dell’azienda Eternit.

 

Nel dibattito sul caso Eternit interviene anche l’arcivescovo di Torino: “E’ una tragedia per gente che soffre e piange i suoi morti. La giustizia deve dare segni concreti di fiducia e speranza”. Così monsignor Cesare Nosiglia che sollecita la politica “a mettere subito in agenda la riforma della giustizia e delle norme sulla prescrizione. Se ne parla tanto, poi passato il caso tutti se ne dimenticano, ma questa è una priorità che bisogna affrontare subito”.

 

Intanto spuntano le carte processuali da cui emergerebbe il tentativo dell’azienda di insabbiare la pericolosità dell’amianto: “Dobbiamo combattere con tutti i nostri mezzi” affinchè l’amianto non venga screditato nei confronti dell’opinione pubblica. Così riporta un documento aziendale del 1976 approvato  con il consenso dell’amministratore delegato Stephan Schmidheiny, entrato a far parte delle carte processuali. I pm torinesi dopo l’annullamento della condanna per disastro ambientale stanno indagando  per omicidio volontario e , a loro parere, il magnate svizzero fece opera di disinformazione.