Home » prima pagina » Estate No-Tav tra manifestazioni e polemiche con gli anarchici
IL MOVIMENTO ANARCHICO LAMENTA L'ALLEANZA CON "IL SALVATORE DI TURNO" BEPPE GRILLO

Estate No-Tav tra manifestazioni e polemiche con gli anarchici

di ilTorinese pubblicato mercoledì 6 agosto 2014
Il clima si era surriscaldato nei giorni scorsi in provincia di Alessandria, tra le forze dell’ordine e i No Tav che si oppongono alla realizzazione del Terzo Valico
 
notav ovunque

Riprende la lotta alla realizzazione della Torino – Lione in Valle di Susa. Questa mattina si è svolto un presidio No Tav all’ingresso del cantiere di Chiomonte. Erano  soltanto una trentina gli  attivisti che  hanno manifestato davanti alla recinzione. Dopo i soliti slogan contro le forze dell’ordine l’assembramento si è sciolto spontaneamente senza tensioni.
Il clima, invece, si era surriscaldato nei giorni scorsi in provincia di Alessandria, tra le forze dell’ordine e i No Tav che si oppongono alla realizzazione del Terzo Valico, l’atra grande opera che interessa il Piemonte e che collegherà l’Alessandrino con Genova. Sono stati gli espropri per la realizzazione della nuova linea ferroviaria ad Alta Velocità tra Piemonte e Liguria a fare cattare la protesta.
 
 
All’insegna dello slogan «la terra non si espropria, la dignità non si compra», i manifestanti avevano cercato di impedire i rilievi dei tecnici, scortati dalla polizia che ha risposto con cariche di alleggerimento e lacrimogeni.
C’è  quindi nuovo fermento nelle varie realtà che compongono il movimento No Tav. E, come riporta il sito dell’Ansa, si registra anche insofferenza negli ambienti anarchici nei confronti degli oppositori della Torino- Lione.  Leggendo, infatti,  i documenti diffusi su internet gli anarchici manifestano  “amarezza” per il coinvolgimento delle amministrazioni pubbliche e del Movimento 5 Stelle.
 
 
L’ala anarchica più radicale lamenta che “il libertarismo sfumato e all’acqua di rose ha trasformato i compagni in manovali di un movimento che alla prima occasione non ha trovato di meglio che affidarsi nuovamente al salvatore di turno, leggasi Grillo”.

 

(Foto: il Torinese)