Home » POLITICA » Esposito, la politica “fuori dal coro” e i travagli del Pd
L'INTERVISTA / IL SENATORE PD

Esposito, la politica “fuori dal coro” e i travagli del Pd

di ilTorinese pubblicato giovedì 26 ottobre 2017
“Un tempo si faceva politica  e si discuteva di politica. Ora, spesso,  prevalgono i personalismi senza contenuto”
Non è stato difficile né complicato concordare con il senatore Stefano Esposito luogo e orario per l’intervista.  Due telefonate e due messaggi. In uno gli ho scritto: “sempre fuori dal coro”. L’ho visto in televisione ad Agorà. Mi ha chiesto: in che senso? Dici ciò che pensi senza giri di parole. Faccina di conferma. Stefano è fatto così, questo lo so, senza peli sulla lingua. Arriva con un leggero ritardo anticipato via messaggio. Appuntamento alle 12 nel  bar  di via Garibaldi all’angolo con via della Consolata. Entra salutandomi e telefonando. Ordina un toast e un bicchiere d’acqua. Fuori la discreta scorta che osserva e vigila. Finita la telefonata inizia l’intervista. 
Stefano, sempre questa vita frenetica?
Si, sempre
Stufo?
No, stanco. Finisco il lavoro che ho intrapreso in Senato e poi mi prendo un anno sabbatico: ho voglia di stare di più con la famiglia. 
Ma come, non ti ripresenti alle politiche?
Probabilmente no. 
Chiudi con la politica?
Difficile starne fuori, ma sicuramente molte cose sono cambiate e non in meglio. 
Quando hai cominciato?
1986. Grande scuola quella del PCI.
Cosa rimpiangi?
Si faceva politica  e si discuteva di politica. Ora, spesso,  prevalgono i personalismi senza contenuto.
Da quando ti interessi di Tav?
Inizi 2000, potrei dire quasi in solitaria, anche se devo e voglio riconoscere l’interessamento di Chiamparino e di Piero (ndr: Fassino). Ma non tutti si ricordano che mi sono speso. ad esempio, anche per l’inceneritore, ora fiore all’ occhiello della città. 
Perché altri tuoi colleghi non si sono spesi per queste battaglie?
Devi chiederlo a loro. Forse non ci vedevano un tornaconto elettorale? Mi sembra che siano molto presenti sul territorio… Questo verrà pagato dal Pd.
È questo Pd come sta?
Non bene, è sotto gli occhi di tutti. Mimmo Caretta sono convinto sarà un buon segretario. Almeno ci tenterà ed già qualcosa in ” questa valle di lacrime “. Ma mi dà fastidio chi ,stando all’ Interno del Pd, se lo critica lo fa sempre in separate sedi, non apertamente.
Ti riferisci ad Orlando o agli Orlandiani?
No, lo conosco e sta facendo la sua battaglia politica alla luce del sole. Mi riferisco a chi all’interno ci rimane per mero opportunismo. 
E Articolo uno?
Di fatto sono in un vicolo cieco. Dispiace per una sinistra palesemente sbrindellata. 
Bisogna aspettare dopo le elezioni in Sicilia per avere novità nel Pd?
Non penso, credo dopo le elezioni politiche. E io sono molto pessimista sul risultato finale. 
Le maggiori soddisfazioni?
Avere contribuito politicamente alla realizzazione di infrastrutture per Torino e il Piemonte. 
Maggiore delusione?
La situazione troppo caotica di questo Pd.
Ultima domanda. Quando ti ho chiamato eri in Commissione Antimafia…
Sì, ero in Valle d’Aosta e considera che la commissione mancava dal 2002 da questa regione. Senza senso.
Stefano, posso scrivere tutto quello che ci siamo detti?
Sì, ampia delega.
***
Poi una mia personale considerazione Su un punto certamente io ed Esposito siamo concordi: la legalità è un valore per tutti. Direi un valore universale.  Chi pratica violenza (vedi i disordini del G7 e alcune frange estremiste no tav) si mette fuori dalla democrazia.
Patrizio Tosetto