Home » Brevi di cronaca » Esisteva un piano per salvare Valentino e Valentina, ma non è stato adottato
Il dato emerge dalla documentazione acquisita dalla polizia giudiziaria

Esisteva un piano per salvare Valentino e Valentina, ma non è stato adottato

di ilTorinese pubblicato giovedì 5 gennaio 2017

preteroti-murazzi-po-2I battelli sospinti dalle acque in piena del Po potevano essere salvati? Probabilmente sì. Il rafforzamento dei dispositivi di sicurezza per Valentino e Valentina, le due imbarcazioni turistiche per la navigazione sul fiume  a Torino trascinati dalla corrente  era stato previsto da un progetto del 2010. Un piano che, però, non è mai stato realizzato. Il dato emerge dalla documentazione acquisita dalla polizia giudiziaria nell’inchiesta aperta dal pm Vincenzo Pacileo, della procura  della repubblica di Torino. Il servizio di navigazione è gestito da Gtt (Gruppo Torinese Trasporti). Nel procedimento giudiziario, ad oggi, non ci sono indagati.

 

(Foto: Antonello Preteroti)