Home » ECONOMIA E SOCIALE » Egitto, ecco la prima governatrice
Dopo la rivoluzione di Nasser nel 1952 la maggior parte dei governatori sono sempre stati ex generali dell'esercito o alti funzionari

Egitto, ecco la prima governatrice

di ilTorinese pubblicato sabato 27 maggio 2017

FOCUS /  di Filippo Re

Nell’Egitto della repressione, delle stragi di copti, l’ultima ieri, con un bus assaltato da un gruppo armato nel sud del Paese che ha sparato all’impazzata contro un gruppo di pellegrini cristiani diretti in un monastero uccidendone una trentina, e della lotta senza tregua contro il terrorismo islamista, c’è spazio anche per una notizia positiva che infrange un tabù storico. Per la prima volta nella storia moderna l’Egitto ha nominato una donna alla carica di governatore di una provincia. Non era mai accaduto prima. Dopo la rivoluzione di Nasser nel 1952 la maggior parte dei governatori sono sempre stati ex generali dell’esercito o alti funzionari di polizia.

Nadia Abdou è stata scelta come governatore della provincia di Beheira, nel nord-ovest del Paese. Osservatori della realtà egiziana ritengono giusta e corretta la decisione del presidente della repubblica, Abdel Fattah Al Sisi. Finora la carica di governatore provinciale era riservata solo agli uomini. Soprannominata la “Lady di ferro” del Parlamento egiziano, al culmine della sua carriera, a oltre 70 anni, si è ora insediata sulla poltrona di governatore di Beheira, capoluogo di una provincia di sei milioni di persone, vicino ad Alessandria d’Egitto. I ventisette governatori egiziani uniscono le funzioni di prefetto e di presidente della regione in una delle più alte posizioni pubbliche del Paese riservata ai funzionari di grado più elevato. Nadia Abdou era già il primo vice governatore donna dal 2013. La giovane ingegnere di Alessandria completa la sua formazione con un Master in Ingegneria medica e ambientale all’Università di Alessandria. Inizia la sua carriera professionale nella compagnia delle acque di Alessandria dedicandosi alla qualità dell’acqua in un Paese dove migliaia di bambini muoiono ogni anno di diarrea. Dal 2002 al 2012 Nadia Abdou sale la scala aziendale fino alla cima, in una Società delle Acque che apre alle donne “con il metro della bravura, non del genere” ha sottolineato il governatore. Nel 2005 il Consiglio della Compagnia delle acque (Awco) riunisce otto donne e guarda anche oltre i confini dell’Egitto fondando l’Associazione dei servizi idrici nei Paesi arabi. Il sito di informazione specializzata Water & Wastewater Internazional ha riconosciuto alcuni anni fa che Nadia Abdou è una donna d’affari “dura ma leale”. Dichiarò a quel tempo: “io sono musulmana e il mio primo amore è Dio” ma aggiunse che al secondo posto c’è il suo lavoro, “anche più della mia famiglia”. Poco prima della rivoluzione, il nuovo governatore era entrato in politica: fu eletta deputato nel 2010 del National Democratic Party (Ndp), il partito unico del presidente Mubarak, sciolto nel 2011. Oggi il nuovo governatore punta a costruire ospedali e scuole, a sviluppare progetti industriali e turistici nella sua provincia che ospita Rosette, la città portuale famosa per la stele che permise a Champolion di decifrare i geroglifici degli antichi Egizi. Tra le questioni più urgenti da affrontare la mancanza cronica d’acqua, la carenza di infrastrutture e la presenza di estremisti religiosi che allarmano la minoranza cristiana.

Filippo Re