Home » prima pagina » Edilizia, la crisi continua. Nel Torinese 9 mila posti di lavoro persi negli ultimi anni
I sindacati lanciano l'allarme in attesa dello sciopero nazionale del 18 dicembre per il rinnovo del contratto nazionale

Edilizia, la crisi continua. Nel Torinese 9 mila posti di lavoro persi negli ultimi anni

di ilTorinese pubblicato martedì 21 novembre 2017

Sono più di 9.000 i posti di lavoro persi dal 2008 ad oggi  in provincia di Torino, mentre gli iscritti alla cassa edile passano da 18.376 a 9.184 e 1.880  le aziende chiuse. I sindacati del settore edile hanno organizzato un sit in davanti alla sede Ance, l’associazione dei costruttori, e lanciano l’allarme in attesa dello sciopero nazionale del 18 dicembre per il rinnovo del contratto nazionale, ormai scaduto da più di un anno. “Il settore – spiegano  all’Ansa Marco Bosio (Fillea Cgil) Gerlando Castelli (Filca Cisl) e Claudio Papa (Feneal Uil)- è sempre più in crisi e il  mancato rinnovo del contratto per 1 milione e mezzo di dipendenti in Italia contribuisce a danneggiare i lavoratori. Chiediamo l’ aumento salariale e il contratto di cantiere contro il dumping contrattuale di aziende che lavorano irregolarmente, facendo uso di lavoro nero o di contratti non edili (con minori tutele)” Nella sola provincia di Torino si stimano  3.000 lavoratori in nero e 4.200 con contratti non edili, come metalmeccanici, multiservizi, terziario, florovivaisti.