Home » TRIBUNA » Ecotassa: la battaglia dell’Associazione italiana dei rivenditori (Airvo)
La normativa “bonus malus” sta avendo un impatto molto negativo sul comparto

Ecotassa: la battaglia dell’Associazione italiana dei rivenditori (Airvo)

di ilTorinese pubblicato martedì 26 marzo 2019

“Il mercato dell’auto in Italia è in forte crisi. Proporremo un Piano quinquennale per dare respiro e incentivi ad Operatori e Famiglie” Tra le richieste, l’introduzione di uno standard nazionale per calcolare la vita residua dei veicoli usati attraverso l’algoritmo PDR realizzato dal Politecnico di Torino.

La recente normativa in materia di tutela ambientale, relativa all’Ecobonus e all’Ecotassa, si sta rivelando inefficace rispetto agli obiettivi che teoricamente si prefigge. Per Occuparsi davvero di ambiente è fondamentale predisporre incentivi per accelerare il rinnovo del parco auto a livello nazionale; istituire ulteriori “negativi contraccolpi” economici come l’ecotassa rischia di inibire ulteriormente un mercato già in forte crisi.

Questo è il grido d’allarme lanciato dall’AIRVO, l’Associazione italiana rivenditori veicoli d’occasione, presente al Senato della Repubblica per chiedere l’istituzione di un tavolo nazionale dedicato al comparto come soluzione alle attuali criticità, e base per la ripartenza economica.

“Dobbiamo correre immediatamente ai ripari – spiega Ercole Messina, presidente dell’Airvo – adoperandoci per invertire questa tendenza; e per questo proponiamo l’istituzione di un tavolo che dia impulso ad un Piano Industriale di sviluppo quinquennale. Il Governo deve farsi carico delle necessità e delle perplessità degli operatori del settore, e non barricarsi dietro silenzi Istituzionali che enfatizzano la ormai cronica assenza di interlocutori soprattutto nei confronti dei consumatori e dei cittadini i quali stanno subendo provvedimenti spesso inutili se non dannosi”.

«La linea politica in ambito automotive adottata dal nostro attuale Governo, sta provocando duri contraccolpi in Italia – commenta Salvatore Gravina, segretario generale Airvo -. Operatori e Famiglie ne stanno già pagando le conseguenze, subendo impassibili lo scenario di recessione che indubbiamente avrà riflessi anche in Europa».

La normativa “bonus malus” sta avendo un impatto molto negativo sul comparto.

“Sono necessarie iniziative a sostegno dell’usato aziendale non inquinante e anche km0 – aggiunge Salvatore Gravina, segretario generale Airvo – Lo scenario attuale sta già portando alla perdita di posti di lavoro e rappresenta un contraccolpo per le famiglie che non possono permettersi di acquistare un’auto nuova. Chiediamo al nostro Paese un Piano industriale quinquennale che coinvolga anche la categoria dei rivenditori e che si ponga come obiettivo di rinnovare il parco usato circolante, prevedendo bonus e incentivi anche per l’acquisto di veicoli usati a bassa emissione”.

Accanto alla normativa ambientale a mettere in difficoltà il comparto sono anche le leggi che riguardano la tutela del consumatore. L’art 129 del Codice italiano del Consumo ha infatti introdotto il concetto di “ragionevole aspettativa” nei confronti del veicolo acquistato, senza però definire un parametro in grado di oggettivare tale aspettativa. Un vuoto normativo che sta generando numerosi contenziosi.

“È stata richiesta la definizione di uno standard nazionale per calcolare la vita residua del veicolo, al fine di

prevenire i contenziosi – spiega Marco Perosino Senatore della Repubblica Italiana -. La questione non può essere affidata al giudizio soggettivo, serve un metodo scientifico per certificare le informazioni che vengono fornite nel contratto di compravendita a tutela di chi compra e di chi vende. Questo è stato reso possibile dal Politecnico di Torino.”

È stata ufficialmente presentata a livello nazionale la ricerca del Politecnico di Torino, coordinato dal prof. Maurizio Galetto, che su impulso di Mo.Vi, azienda italiana del settore, ha elaborato un innovativo algoritmo che consente di calcolare sulla base di parametri oggettivi la percentuale di vita residua di un veicolo usato.

“Il calcolo del PDR è funzione di diverse variabili, tra cui i Km percorsi, l’età del veicolo, e – in prospettiva – anche lo stile di guida e il carico da stress a cui è stato sottoposto – spiega il prof. Luca Mastrogiacomo del Dipartimento di Ingegneria Gestionale e della Produzione del Politecnico di Torino -. Già oggi questo algoritmo consente al venditore professionale di fornire al cliente informazioni oggettive circa lo stato della vettura usata oggetto della transazione. In prospettiva potrà poi essere integrato in applicazioni che, interfacciandosi con le vetture, forniscono in tempo reale all’utilizzatore informazioni circa lo stato di usura, componente per componente, consentendo di pianificare e ottimizzare la sua manutenzione”.

La ricerca e lo sviluppo del motore di calcolo PDR® e l’implementazione dell’algoritmo che lo alimenta, proseguirà anche nel prossimo biennio.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE