Home » prima pagina » Economia, crescita inferiore alla media. Nosiglia chiede impegno per i giovani
Il vescovo: "Nuovo piano Marshall". Trend negativi sono stati rilevati in tutte le province piemontesi tranne Novara. Torino stabile

Economia, crescita inferiore alla media. Nosiglia chiede impegno per i giovani

di ilTorinese pubblicato mercoledì 1 febbraio 2017

sindone nosigliaIl tasso di crescita delle imprese piemontesi risulta negativo per il quinto anno consecutivo, pari a – 0,12%), in controtendenza rispetto al dato italiano che invece è +0,68%. Il Registro imprese delle Camere di commercio indica che nel 2016 sono nate 26.447 aziende in Piemonte a fronte di 26.155 nuove iscrizioni registrate nel 2015. Dunque, al netto delle 26.966 cessazioni, il saldo è negativo di  519 unità. Al termine del  2016 sono 438.966 le imprese registrate, confermando il Piemonte in settima posizione tra le regioni italiane, con più del 7% delle imprese nazionali. Insomma, non si può parlare lavoro-tra-2di ripresa, se si considera che trend negativi sono stati rilevati in tutte le province piemontesi tranne Novara, che registra un tasso di crescita di +0,25%, e di Torino, che manifesta una sostanziale stabilità: +0,07%). Il turismo è la voce migliore: +1,21%. L’arcivescovo cesare Nosiglia, intervenendo alla festa di Don Bosco, sul tema delle scuole paritarie, ha ampliato la propria omelia ai temi del lavoro sottolineando che il santo “si preoccupò di dare vita a scuole professionali e a nuovi lavori, che permettessero ai giovani di formarsi e operare attivamente nella società. E oggi con tutti i mezzi e le risorse industriali e commerciali, agricole e del terzo settore di cui disponiamo, ci stiamo perdendo in chiacchiere nei confronti dei giovani, mentre ci  sarebbe bisogno di un moderno Piano Marshall a loro favore”