Home » LIFESTYLE » Ebola, tanta paura ma nessun malato a Torino
PSICOSI COLLETTIVA: A TORINO E CARMAGNOLA DUE PERSONE SI PRESENTANO IN FARMACIA E IN OSPEDALE CREDENDO DI AVERE CONTRATTO IL VIRUS

Ebola, tanta paura ma nessun malato a Torino

di ilTorinese pubblicato martedì 28 ottobre 2014

molinetteIn Piemonte sono stati seguiti tutti i protocolli previsti dalle circolari ministeriali, in linea con le raccomandazioni dell’Oms

 

I giornali e le tv certo non aiutano e gli articoli allarmanti sul virus Ebola – autentica emergenza in alcuni paesi africani – rischia di essere vissuta come tale anche qui da noi. Le prime vittime ci sono già state ma si è trattato di vittime della psicosi collettiva. Ieri momenti di panico  in una farmacia in centro aTorino. “Credo di avere l’Ebola, mi date una mascherina per favore?”, E’ stato un tedesco, accompagnato da un bimbo a fare la richiesta, che ha ovviamente fatto scattare l’allarme. Ha detto chei recentemente sono stati ad Amsterdam e hanno frequentato amici provenienti dall’Africa. La visita  eseguita in ospedale ha fortunatamente escluso il virus. Si trattava di indigestione. Un altro  caso si è verificato a Carmagnola: un agricoltore si è presentato in ospedale dicendo di avere il virus. Anche questo, però, era un falso allarme.
   

 

“L’assessorato regionale alla Sanità ha attivato dallo scorso agosto – spiega l’assessore regionale alla Sanità, Antonio Saitta – tutte le procedure e le misure precauzionali per scongiurare la diffusione dell’Ebola. Sono stati seguiti tutti i protocolli previsti dalle circolari ministeriali, in linea con le raccomandazioni dell’Oms. Il sistema nazionale di controllo è concentrato sulle frontiere, in particolare aeree. Il Ministero ha attivato misure di sorveglianza negli aeroporti e nei confronti degli immigrati che giungono via mare. Il Piemonte non è interessato direttamente, perché i nostri aeroporti non hanno voli diretti e non sono dotati di strutture di isolamento. Eventuali emergenze in volo vengono dirottate su altri scali”.

 

“In Piemonte – aggiunge Saitta – ci sono soggetti originari dei Paesi colpiti e di fronte alla eventualità che persone rientrate da meno di tre settimane si rivolgano ai servizi di emergenza per affezioni aspecifiche, abbiamo previsto azioni rivolte a migliorare l’accuratezza delle diagnosi tramite una scheda di screening e la disponibilità di consulenze infettivologiche. Obiettivo, evitare false segnalazioni di sospetto e identificare i sospetti a basso rischio per indirizzarli verso ospedali con reparti di malattie infettive, in grado di garantire l’isolamento.

 

Dal 27 agosto è operativo il tavolo tecnico regionale per le emergenze infettive. I centri di riferimento per questa problematica sono gli ospedali Regina Margherita e Amedeo di Savoia a Torino, Novara, Vercelli, Cuneo, Alessandria, Asti e Casale Monferrato