Home » LIFESTYLE » Dopo Delrio le Province in crisi, così non va
ACCADE IN PIEMONTE

Dopo Delrio le Province in crisi, così non va

di ilTorinese pubblicato sabato 17 gennaio 2015

ALESSANDRIA

Una ironica interrogazione rivolta al presidente della Provincia di Alessandria, Rita Rossa: sa di ricoprire questo ruolo oltre che quello di primo cittadino?

 

Che novità ha portato la legge Del Rio, che prende il nome dell’attuale sottosegretario alla presidenza del Consiglio, per le province e le neonate Città metropolitane, oltre alla soppressione dell’elezione diretta di presidente e consiglio da parte dei cittadini ? Se per la Città Metropolitana di Torino, che dal 1 gennaio ha sostituito in tutto e per tutto (o quasi) la Provincia di Torino ormai passata alla storia, le commissioni ed il consiglio metropolitano stanno lavorando per trovare una forma statutaria ed un assetto ottimali, come dimostra quanto pubblicato in precedenza, pur permanendo il problema dei precari, nelle province piemontesi invece le cose non paiono andare meglio, anzi. Non è un caso che il giovane (anagraficamente, in realtà è al secondo mandato) Federico Riboldi,  esponente dei Fratelli d’Italia, abbia rivolto una ironica interrogazione al presidente della Provincia di Alessandria, Rita Rossa, domandandole se sa di ricoprire questo ruolo oltre che quello di primo cittadino della “Città della Paglia”. Nel documento, l’esponente dell’opposizione evidenzia che il presidente Rossa parrebbe essere presente a Palazzo Ghilini (sede della Provincia di Alessandria) in rarissime occasioni, che oggi non sono ancora state assegnate le deleghe per le  materie di competenza ai consiglieri, che non è mai stata convocata una conferenza dei capigruppo, non sono state costituite le commissioni consiliari. Di qui la domanda “se il presidente Rita Rossa sia cosciente di essere stata eletta presidente della Provincia di Alessandria”.

Massimo Iaretti