Home » prima pagina » Dopo i fatti di Pasqua: treni da incubo? Ma i controlli di Polizia sono aumentati
Oltre a Porta Nuova e Porta Susa bagagli e viaggiatori controllati anche a Lingotto e Stura. Nuove tecnologie al servizio della sicurezza

Dopo i fatti di Pasqua: treni da incubo? Ma i controlli di Polizia sono aumentati

di ilTorinese pubblicato mercoledì 19 aprile 2017

Il recente episodio di vandalismo sul treno Ventimiglia-Torino, la domenica di Pasqua, quando i passeggeri sono stati in balia di una gang di teppisti,  ha riacceso il dibattito sulla sicurezza a bordo dei convogli ferroviari. Già da qualche anno, a dire il vero, sono state prese misure particolari,  come l’installazione di monitor, telecamere e software per trasmettere in diretta le immagini riprese a bordo treno, sui convogli di tipo “Jazz”. Ora i pendolari chiedono che le telecamere vengano installate anche su altri convogli.Si tratta di una tecnologia  messa a punto da Trenitalia in collaborazione con Almaviva. Alcuni treni sono inoltre dotati di  people counter, ovvero particolari sensori nelle porte di accesso, per calcolare il numero di passeggeri in salita e in discesa dal treno durante le fermate. Il Compartimento Polfer piemontese, anche nell’ottica antiterrorismo,  ha potenziato i servizi di controllo a viaggiatori e bagagli, in stazione e a bordo treno, con particolare riguardo alla salita e discesa dei passeggeri, ai treni internazionali TGV e Freccia Rossa nelle stazioni di Torino. Oltre a Porta Nuova e Porta Susa, dove  viene in taluni casi impiegato il personale del V Reparto Mobile e delle Unità Cinofile Antisabotaggio della Questura di Torino, controlli avvengono negli scali di Torino Lingotto, Torino Stura e, a cura del personale Polfer di Chivasso nella stazione di Settimo Torinese.

(foto: il Torinese)