Home » prima pagina » Dopo il 2015 anche un 2016 tutto europeo con il secondo Forum delle città metropolitane
NUOVA OPPORTUNITA' DI RESPIRO INTERNAZIONALE DOPO LA DECISIONE DEL GOVERNO DI REALIZZARE A TORINO IL PROGETTO PILOTA PER L'ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI

Dopo il 2015 anche un 2016 tutto europeo con il secondo Forum delle città metropolitane

di ilTorinese pubblicato lunedì 16 marzo 2015

castello piazza

cittàvuotapalazzo civico“La scelta di realizzare a Torino la seconda edizione del Forum – dice Fassino – è un autorevole riconoscimento alla nostra città”

 

Mentre la Città metropolitana torinese cerca di decollare tra tanti problemi – in primis le risorse carenti – dal sindaco Piero Fassino giunge la notizia che, dopo Barcellona, sarà Torino a ospitare nel marzo 2016  il Forum delle Città metropolitane europee. La scelta è stata fatta durante il primo incontro del Forum, che nella dichiarazione finale impegna l’Unione europea a riconoscere le città metropolitane come “attore strategico”.

 

“La scelta di realizzare a Torino la seconda edizione del Forum – dice Fassino – è un autorevole riconoscimento alla nostra città”. Se non altro, dopo un 2015 che si spera foriero di successi per Expo, Sindone e Capitale dello Sport, si tratterà di un’altra ribalta internazionale per la città.

 

Va del resto ricordato che il Governo intende realizzare insieme alla Città un progetto pilota di respiro nazionale per l’internazionalizzazione e l’attrazione degli investimenti. “Torino è la città italiana – ha dichiarato il sindaco – che negli ultimi vent’anni ha conosciuto la più grande trasformazione della sua identità e del suo sviluppo e oggi la nostra città – con le sue imprese, con le sue università, con le sue tante energie – è nelle condizioni di svolgere un ruolo trainante nelle politiche di sviluppo e di attrazione degli investimenti”.