Home » Brevi di cronaca » Domiciliari per l’attivista di Askatasuna: c’è il bracciale elettronico
E' stato in cella fino ad oggi

Domiciliari per l’attivista di Askatasuna: c’è il bracciale elettronico

di ilTorinese pubblicato giovedì 5 luglio 2018

E’ stato messo ai domiciliari, Nicolò Mirandola, l’attivista del centro sociale Askatasuna  che fu arrestato per gli scontri del 22 febbraio  a margine del corteo contro un comizio di CasaPound. L’11 giugno gli erano già stati concessi gli arresti domiciliari, ma è stato in cella fino ad oggi perché prima non era disponibile un  braccialetto elettronico. La madre del detenuto aveva annunciato lo sciopero della fame e domenica 8 luglio, alle 18, gli attivisti di Askatasuna hanno in programma un presidio alle Vallette in segno di  solidarietà ai detenuti per cui non è ancora disponibile il braccialetto elettronico.