Home » LIFESTYLE » La Dodicesima notte al Carignano
FINO AL 31 MAGGIO

La Dodicesima notte al Carignano

di ilTorinese pubblicato lunedì 25 maggio 2015

teatriIl regista Carlo Cecchi interpreta un impagabile Malvolio accanto a una compagnia di talenti nella Dodicesima Notte di Shakespeare. Equivoci e scambi di identità per un gioco attoriale straordinario con Carlo Cecchi protagonista 

 

 

Carlo Cecchi torna a Shakespeare, interpretando fino al 31 maggio prossimo, al teatro Carignano, la Dodicesima Notte, una commedia corale basata sugli equivoci,  gli scambi di identità e di genere. Opera della maturità del Bardo, fu composta fra il 1599 e il 1602, ed è spesso stata definita la “commedia perfetta”. Un coro di personaggi si destreggia in una serie di monologhi di una grazia incantevole, che hanno reso questo pastiche una delle vette più elevate della poesia shakespeariana.  La vicenda prende avvio nello stravagante ducato d’Illiria, dove il duca Orsino è lo spasimante della contessa Olivia, che, però,  lo respinge, proclamandosi in lutto. A sciogliere l’impasse giunge un provvidenziale naufragio, che porta a corte la giovane Viola, che assume le sembianze del fratello, creduto morto in mare. Diventa poi il Paggio del Duca e si invaghisce di lui, facendo al tempo stesso innamorare di sé la Contessa. Accanto al plot principale se ne dipana un secondo minore, che ruota tutto intorno alla beffa ordita ai danni del petulante maggiordomo Malvolio, interpretato da Carlo Cecchi.

 

“Malgrado la sua funzione comica – afferma il regista Carlo Cecchi –  questo plotter ha uno svolgimento più amaro. La follia che percorre la commedia, come in un carnevale dove tutti sono trascinati in un ballo volteggiante,  trova il suo capro espiatorio in Malvolio,  il più folle dei personaggi,  il maggiordomo,  interpretato da un attore comico che aspirava a recitare una parte nobile, quella del Conte Consorte”. Il testo shakespeariano,  nella  splendida traduzione della poetessa Patrizia Cavalli, accompagnato dalle musiche di Nicola Piovani e dai costumi sontuosi di Nana’ Cecchi, consente a Cecchi, che ne è anche regista,  oltre che interprete, nelle vesti di Malvolio,  di orchestrare un gioco attoriale magnifico, basato tutto sulla stilizzazione e l’essenza dei personaggi. “Shakespeare – spiega Carlo Cecchi – rappresenta il teatro dell’assoluto, capace di veicolare un attualità che va al di là dell’attualità.  È talmente universale da diventare, quasi miracolosamente e immediatamente, Teatro”.

 

Mara Martellotta

 

Teatro Carignano

Mart. Giov. ore 19.30

Merc. Sab. Ore 20.45

Dom. Ore 15.30