Home » prima pagina » Dio salvi l’auto (e Fca). Tra mille segnali di crisi è una delle poche voci attive dell’economia
Il gruppo torinese va alla grande e cresce quasi il doppio del mercato europeo. Infatti a settembre le immatricolazioni sono state 90.848

Dio salvi l’auto (e Fca). Tra mille segnali di crisi è una delle poche voci attive dell’economia

di ilTorinese pubblicato venerdì 14 ottobre 2016

fiat fcaTra mille segnali di crisi l’automotive è una delle poche voci attive dell’economia. Infatti anche a settembre il mercato europeo dell’auto è in crescita: le immatricolazioni nei Paesi europei e Islanda, Norvegia e Svizzera, secondo i dati dell’Acea, l’associazione dei costruttori europei,  sono state 1.496.206, ovvero il 7,3% in più dello stesso mese del 2015. Nei primi tre trimestri dell’anno 500x fiatsono state vendute 11.607.266 vetture, con una crescita del 7,7% rispetto allo stesso periodo del 2015. Il gruppo Fca va alla grande e cresce quasi il doppio del mercato europeo. Infatti a settembre le immatricolazioni sono state 90.848, il 14,2% in più dello stesso mese dell’anno prima a fronte di un incremento del 7,3% del mercato. La quota cresce dal 5,7 al 6,1%. Fino a settembre/ottobre le consegne Fca sono 767.909, cioè una crescita del 15,3%. La quota passa dal 6,2 al 6,6%. In attivo tutti i brand del gruppo, in particolare Alfa Romeo che a settembre registra un balzo del 39%.

(foto: il Torinese)