Home » LIFESTYLE » LA DIASPORA DEL TESTOSTERONE
QUATTRO "SOGGETTI TIPO" MASCHILI

LA DIASPORA DEL TESTOSTERONE

di ilTorinese pubblicato sabato 20 febbraio 2016

NARCISO22

teti

 

PUNTI DI (S)VISTA /

di Tersilla Garella

 

Cresciute a pane e Walt Disney, all’inizio cerchiamo il principe azzurro, in seguito l’infame che ci fa piangere, ma poi no, stiamo troppo male e torniamo a volere il bravo ragazzo. Se ci guardiamo intorno è una disfatta su tutta la linea. Il maschio alfa con l’ego smisurato romperà pure, ma per favore riprendetevi

Ieri, fermandomi per un giro da Sephora in via Roma, mi sono imbattuta – mio malgrado- in una scena terrificante. Una ragazza accompagnata dal fidanzato che usava quest’ultimo come consigliere di make up, chiedendogli quale colore di fondotinta scegliere e quale mascara preferisse. Come fosse la sua migliore amica con qualche pelo in più. Tocca ammettere che anche noi donne abbiamo una piccola parte di responsabilità in questo sfacelo di portata apocalittica.

Sì, perché cresciute a pane e Walt Disney, all’inizio cerchiamo il principe azzurro, in seguito l’infame che ci fa piangere, ma poi no, stiamo troppo male e torniamo a volere il bravo ragazzo, però no dai, la storia non è abbastanza travagliata e tutti i film insegnano che non esiste vero amore senza qualche intoppo.

Sì, forse li abbiamo leggermente disorientati. E adesso la situazione è quella che è. Se date un rapido sguardo al web, capirete di cosa io stia parlando. Fino a qualche anno fa eravamo abituate a foto di uomini sexy, con lo sguardo seducente. Ebbene, pare si siano rincretiniti tutti. A partire da quel figo di Banderas che si è rinchiuso nel mulino a parlare con Rosita.

Durante la mia indagine, quattro sono i soggetti tipo che sono rimasti impressi – ahimè- nella mia mente. All’ultimo posto, l’uomo che cerca di simulare uno sguardo magnetico ed ammaliante, quasi sempre con il cielo plumbeo a far da sfondo, come fosse il protagonista di “Cime tempestose”. Senza invece rendersi conto di essere un morto di fuffa qualsiasi.

Al terzo posto, c’è l’uomo che si fa il selfie ravvicinato indossando gli occhiali da sole polarizzati, con lo scopo di mostrare il paesaggio riflesso nelle lenti.  Almeno allontanati un po’ dalla fotocamera. Riesco a vederti i peli nel naso.

Al secondo posto, il pavone esibizionista che sceglie la suspense e non mostra il proprio volto, ma solo i propri addominali. Come se avere la tartaruga scolpita lo rendesse automaticamente appetibile. Da donna non so se essere più sconcertata pensando alla scarsa considerazione che uno così possa avere del mio cervello o all’idea che magari qualche volta questa sua trovata geniale del muscolo esibito abbia pure funzionato.

E al primo posto troviamo lui. Quello che si fa il selfie con la boccuccia, facendo finta di mandare un bacio a chissà chi. Molto probabilmente alla mamma, la sua unica fan.
Insomma, se ci guardiamo intorno è una disfatta su tutta la linea. Il maschio alfa con l’ego smisurato romperà pure, ma per favore riprendetevi.