Home » Sport » Derby della Mole, ecco le nostre pagelle granata
QUI TORO

Derby della Mole, ecco le nostre pagelle granata

di ilTorinese pubblicato lunedì 27 aprile 2015

toro carosellotoro flagtoro bandieraCommento post-derby

Venti anni. Un lasso di tempo lunghissimo che ha segnato le memorie delle generazioni granata più giovani. Generazioni che per anni non hanno potuto urlare di gioa per una vittoria della loro squadra sui rivali. Per questi tifosi i derby più memorabili erano quelli del 2001/2002, segnati dalla rimonta all’andata da 0-3 a 3-3 e dal 2-2 del ritorno in cui Maresca sbeffeggiò la piazza granata imitando le corna di Ferrante, una leggenda per il Toro, dopo il goal del pareggio. Ma ieri finalmente i giocatori in campo e il loro condottiero, mister Ventura, hanno fatto un regalo bellisimo ai tifosi. Viste il giorno dopo, le azioni salienti del match, danno quasi la sensazione che fosse destino che il Toro portasse finalmente a casa i tre punti nel derby perchè, si sa, la fortuna è cieca, ma per vent’anni aveva simpatizzato solo per “l’altra squadra”. Invece ieri è successo qualcosa di magico, la fortuna ha scambiato i colori bianconeri per quelli granata e ha fatto sì che tre tiri della Juve, al posto che regalare l’ennesima beffa al popolo torinista, sbattessero contro il palo, permettendo così ai ragazzi di Ventura di raggiungere una storica vittoria che, oltre alla gloria, regala ai granata altri due motivi per essere felici. In primo luogo la vittoria dà tre punti al Toro che, approfittando dei passi falsi di Sampdoria e Fiorentina, si porta a -2 dal sesto posto che significherebbe ritorno in Europa League. In secondo luogo, per la società, l’allenatore e i giocatori, la vittoria vale due volte tanto, anzi quattro. Esatto perchè battere una squadra la quale ha quattro volte il tuo monte ingaggi (27 milioni il Toro, 118 la Juve) non può che darti una carica mentale difficile da contenere per i futuri avversari. Quella di ieri dunque è stata una vera impresa che consentirà alla squadra di affrontare il Palermo, mercoledì, con un pieno di autostima e ai tifosi più giovani, dopo venti anni di sonni agitati, di andare a letto tranquilli e soddisfatti perchè il Toro è tornato!

 

(Foto: il Torinese)

Filippo Burdese

 

LE PAGELLE GRANATA

Dopo vent’anni il Toro ritrova il successo nel derby e grazie alle sconfitte di Sampdoria e Fiorentina si porta a -2 dal sesto posto che vale la qualificazione in Europa League. A decidere la partita sono i goal di Darmian e Quagliarella che ribaltano il risultato dopo il vantaggio bianconero firmato da Pirlo su punizione e danno tre punti importantissimi alla squadra di Ventura.

 

Padelli 7: resta immobile sui tre pali colpiti dalla Juve e sul capolavoro di Pirlo, merita un voto alto per il miracolo sul colpo di testa su Sturaro che permette ai granata di mantenere il vantaggio;

 

Maksimovic 6,5: le sue uscite palla al piede permettono spesso al Toro di respirare, per il resto è sempre concentrato e si fa trovare sempre pronto;

 

Glik 7: a inizio partita il suo intervento in anticipo su Matri vale quanto un goal, si carica la difesa sulle spalle e sfoggia la solita grande prestazione. Capitano vero;

 

Moretti 6,5: non sbaglia nulla e mantiene sempre alta la concentrazione annullando spesso Pereyra e chiunque si trovi nella sua zona. E’ costretto a prendere un giallo per un brutto fallo su Tevez;

 

Peres 6,5: lesue accellerazioni sono meno efficaci del solito, ma intimoriscono sempre la retroguardia bianconera. Nella ripresa dopo una bella azione personale si ritrova in area di rigore, ma pecca di egoismo non servendo i compagni meglio posizionati e spreca un occasione;

 

Gazzi 6: il rosso inizia il match in grave difficoltà, prima regalando un pericolosissimo contropiede alla Juve, poi concedendo la punizione da cui nasce il goal di Pirlo. Con il passare dei minuti cresce e torna sui suoi standard abituali;

 

Benassi 6,5: comincia ad accumulare esperienza e si vede. Non si lascia tradire dall’emozione, come più volte successo in passato, non commette errori e corre tantissimo. Esce per crampi (dal 26′ s.t. Vives 6: aiuta il centrocampo a resistere all’assalto finale della Juve, prende un giallo per fallo di mano)

 

El Kaddouri 7: grazie a lui la manovra offensiva granata è più fluida e fantasiosa, sull’azione del 2-1 il suo passaggio smarca Darmian il quale poi confeziona l’assist del 2-1;

Darmian 8: con Quagliarella è lui l’uomo copertina di questo derby. Grazie a un controllo sbagliato riesce a saltare tutta la difesa bianconera e segnare l’1-1 e nella ripresa mette Quagliarella da solo davanti alla porta per il goal del vantaggio ( dal 37 s.t. Molinaro n.g.);

 

Maxi Lopez 6: è il meno incisivo dei suoi, corre tanto e cerca qualche giocata, ma è poco preciso e non entra mai completamente in partita (dal 16′ s.t.Martinez 6: gli viene giustamente annullato il goal del 3-1 per fuorigioco);

 

Quagliarella 8: dribbla Bonucci per poi servire l’assist per il pareggio di Darmian e nel secondo tempo entra nella storia del Toro segnando il goal del definitivo vantaggio. Oltre a questo corre sempre tantissimo e i suoi cambi di gioco sono da 10 e lode;

 

All. Ventura 9: “In questi quattro anni abbiamo costruito una bella torta e questa è la ciliegina”, questa la sua dichiarazione a fine partita che vuole sottolineare il capolavoro creato dal tecnico ligure che ha ridato entusiasmo, onore e risultati a una piazza che senza dubbio lo merita, leggenda.

 

FB

 

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE