Home » ECONOMIA E SOCIALE » Democrazia e post verità: se ne parla al “Pannunzio”
A cura del prof. Maurizio FERRARIS

Democrazia e post verità: se ne parla al “Pannunzio”

di ilTorinese pubblicato venerdì 27 ottobre 2017

Lunedì 30 ottobre alle ore 17,30 nella Sala di Palazzo Cisterna a Torino (Via Maria Vittoria, 12), Maurizio FERRARIS Vice Rettore dell’Università di Torino parlerà sul temaDEMOCRAZIA E POST-VERITÀ”.

Il termine “post-verità”, derivante dall’inglese “post-truth”, indica quella condizione secondo cui, in una discussione relativa a un fatto o una notizia, la verità viene considerata una questione di secondaria importanza. Nella “post verità” la notizia viene percepita e accettata come vera dal pubblico sulla base di emozioni e sensazioni, senza alcuna analisi effettiva sulla veridicità o meno dei fatti reali. In una discussione caratterizzata da “post-verità”, i fatti oggettivi, chiaramente accertati, sono meno influenti nel formare l’opinione pubblica rispetto alle emozioni e convinzioni personali. Ciò in un contesto caratterizzato da una rete internet di comunicazione globale in cui tutti possono partecipare e esprimere le loro opinioni. L’idea di democrazia che emerge da questo contesto si riassume in una considerazione molto semplice: la “post-verità” costituisce un momento di mobilitazione di massa con pochi precedenti. Ogni utente del web esprime la propria verità, con una libertà che tecnicamente è sovrana rispetto a ogni altra istanza. Può esserci una democrazia senza verità condivisa? Quali possono essere i caratteri della democrazia nell’epoca della post-verità? Di questi temi parlerà il prof. Maurizio Ferraris, uno dei filosofi italiani più importanti a livello internazionale.