Home » prima pagina » Delitto dei Murazzi: “L’ho ucciso perché aveva l’aria felice”
Machaouat era giunto dal Marocco in Italia da bambino

Delitto dei Murazzi: “L’ho ucciso perché aveva l’aria felice”

di ilTorinese pubblicato lunedì 1 aprile 2019

“Ho deciso di uccidere questo giovane perché aveva un’ aria felice. E io non sopportavo la sua felicità”, ha detto Said Machaouat, il  ragazzo 27enne reo confesso dell’omicidio di Stefano Leo ai Murazzi, lo scorso febbraio. A riferirlo è il procuratore vicario di Torino, Paolo Borgna. “Volevo ammazzare un ragazzo come me – ha detto ancora nel corso della confessione –  per togliergli tutte le promesse, i figli, e toglierlo ad amici e parenti”. Machaouat era giunto dal Marocco in Italia da bambino. Qualche anno fa si era separato dalla moglie ed era stato preso in carico dagli assistenti sociali. Aveva perso il lavoro e negli ultimi mesi aveva vissuto a Ibiza e in Marocco, prima di tornare  a Torino.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE