Home » TRIBUNA » Davide Gariglio: “Ai consiglieri stipendio come Fassino”
COSTI POLITICA

Davide Gariglio: “Ai consiglieri stipendio come Fassino”

di ilTorinese pubblicato venerdì 24 ottobre 2014

gariglioIl segretario regionale PD: “Per introdurre il taglio del 10 per cento sarà presentato un progetto di legge in I Commissione (bilancio e finanza) lunedì prossimo e il giorno successivo dovrebbe approdare in Aula per l’approvazione definitiva”

 

“Da novembre il taglio delle indennità dei consiglieri regionali del 10 per cento”: lo annuncia Davide Gariglio, capogruppo in regione del Pd e segretario regionale del partito, a conclusione della riunione del gruppo democratico in Consiglio regionale del Piemonte. “Il gruppo Pd – continua Gariglio – è il primo promotore dell’adeguamento dell’indennità del Consigliere regionale a quello del Sindaco del capoluogo, non da oggi, e  il taglio del 10% vuole essere solo il primo passo verso l’obiettivo finale”. 

 

 Per introdurre il taglio del 10 per cento sarà presentato un progetto di legge in I Commissione (bilancio e finanza) lunedì prossimo e il giorno successivo dovrebbe approdare in Aula per l’approvazione definitiva. “I consiglieri regionali democratici – prosegue Gariglio –  intendono anticipare quanto previsto dalla riforma costituzionale (costo Consiglieri regionale equiparato a quello del Sindaco capoluogo) con una propria iniziativa legislativa, parallelamente i presidenti Sergio Chiamparino e Mauro Laus agiranno sul Governo per risolvere la questione previdenziale”. In Piemonte, ad oggi, i consiglieri regionali non beneficiano di alcun contributo previdenziale nel periodo del mandato politico.

 

“Occorre – sottolinea Gariglio –  una legge del Parlamento (unico legislatore competente in materia previdenziale)  che definisca il trattamento previdenziale dei consiglieri regionali, esattamente come è previsto per i Sindaci. Si tratta di un aspetto risolvibile solo a livello parlamentare – conclude il presidente Gariglio -, ma credo che entro l’anno il Piemonte potrà finalmente  anticipare la norma prevista dalla riforma Boschi”.  

 

(Foto: il Torinese)