Home » CULTURA E SPETTACOLI » David Row. Investigations
La coinvolgente irregolarità dell’arte nelle opere dell’artista americano esposte alla “metroquadro” di Torino

David Row. Investigations

di ilTorinese pubblicato mercoledì 15 maggio 2019

La coinvolgente irregolarità dell’arte nelle opere dell’artista americano esposte alla “metroquadro” di Torino

Si intitola significativamente “Investigations” la raffinata personale di David Row (americano di Portland, dove nasce nel ’49, e che lascia per vivere oggi a New York e nel Maine), ospitata da Marco Sassone negli spazi della Galleria “metroquadro” di corso San Maurizio, a Torino. “Investigations”, come dire: indagine, ricerca, salto libero nell’imprevedibilità di forme, spazi e colori; meandri in cui Row s’aggira da abilissimo pittore –detective, senza fretta alcuna (almeno sembra) di uscirne con in mano soluzioni e verità definite una volta per tutte, tastando invece con fiuto e assoluta singolarità i sentieri più immaginifici dell’arte. Che, per lui, sono sentieri di costante e certosina investigazione segnica e cromatica, portata avanti “attraverso forme, spazi, poligoni irregolari ed ellissi carichi – si è scritto – di grande energia ma bilanciati da un equilibrio e una precisione formale, a loro volta fratturati e frammentati da sottili linee in vividi colori fosforescenti”. Riconosciuto oggi fra i più importanti artisti americani operanti nell’ambito della pittura astratto-concettuale, David Row è stato allievo alla “Yale University” di Al Held – cui molto devono ancora oggi i suoi “spazi geometrico-luminosi” – e a New York ha lavorato fianco a fianco, negli anni Ottanta, con l’allora giovane generazione di artisti astratti come Peter Halley, Mary Heilmann (figure centrali nel movimento concettuale di quegli anni) e Ross Bleckner (celebri i suoi lavori di riflessione sull’epidemia dell’Aids). Alla torinese “metroquadro“, l’artista espone una contenuta serie (in tutto una decina) di recenti lavori a olio su carta “Arches”, ideati per la realizzazione di tele e tavole di dimensioni maggiori, ma assolutamente opere in tutto e per tutto perfettamente compiute e vive di una loro ben specifica e poetica realtà. Realtà di forme inaspettate e ricorrenti, come le ellissi e le grandi X, affidate al fascino esemplare di colori intensi e saturi e di una particolare qualità della luce, che é memoria, ancor oggi vivida, degli anni adolescenziali trascorsi in India. “Investigazioni”, si diceva. Su forme all’apparenza “scivolose” (la definizione è dello stesso Row), che, nel gioco delle parti, si diverte e tende a coinvolgere lo spettatore, invitandolo quasi a interpretare le parti finali di soggetti dalle marcate o bislacche geometrie, mancanti nel perimetro regolare della cornice ed estese “oltre”, ad occupare simbolicamente lo spazio circostante. Così negli “Studi” (tutti del 2017) “for Depth Grammar” o “for Moon shadow”, non meno che nel delicato “for New flash” accanto al più perentorio “for State of the Nation”, ci troviamo di fronte a lavori bidimensionali “che possono anche essere letti come ‘spaziali’”, aggiungendo una “dimensione scultorea”, uno “spazio infinito multiprospettico” a motivi modulari che inizialmente rappresentano solide certezze, interrotte e frammentate – work in progress – da linee nette e luminose e da segni graffiti e graffianti che raccontano di casualità impreviste e imprevedibili, come del continuo ricorso a sperimentazioni grafiche di tattile e visiva piacevolezza. Insignito dei più prestigiosi Premi e all’attivo numerosissime mostre a livello internazionale, David Row (che oggi insegna alla “The School of Visual Arts” di New York) è presente nelle collezioni permanenti dei più importanti Musei americani, e non solo; di recente il “Portland Museum of Art” ha acquisito una sua grande opera che sarà posta all’ingresso dello stesso Museo e il CMCA (Center for Maine Contemporary Art) di Rockland inaugurerà il prossimo anno, nel suo nuovo edificio progettato da Toshiko Mori, la prima tappa di una mostra itinerante il cui spazio espositivo principale sarà dedicato proprio ai lavori di Row.

Gianni Milani

“David Row. Investigations”

Galleria “metroquadro”, corso San Maurizio 73/F, Torino; www.metroquadroarte.com

Fino al 20 giugno

Orari: dal mart. al sab. 16/19

Nelle foto

– “Study for Depth Grammar”
– “Study for Moon shadow”
– “Study for New Flash”
– Study for State of the Nation”

 

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE