Home » TRIBUNA » DALLA VALCERRINA LA SOLIDARIETA’ AGLI EX LAVORATORI DELLA MONDIAL
Al fine di un’azione di pressione politica nei confronti dell’Inps

DALLA VALCERRINA LA SOLIDARIETA’ AGLI EX LAVORATORI DELLA MONDIAL

di ilTorinese pubblicato mercoledì 22 novembre 2017

La Giunta Comunale di Villamiroglio, nella seduta di martedì 21 novembre ha approvato una delibera che recepisce un documento elaborato dal capogruppo di Progetto Villamiroglio – MPP, Massimo Iaretti (nella foto) e condiviso dal capogruppo di maggioranza, Davide Giolito, di solidarietà agli ex lavoratori della Mondial Group di Mirabello Monferrato. In particolare l’attenzione si è concentrata su coloro che si sono visti respingere l’ammissione agli ammortizzatori sociali da parte dell’Inps in quanto, a detta dell’istituto previdenziale, privi dei requisiti necessari per la Naspi. Per questo molti di loro si trovano da mesi in condizioni economiche precarie non avendo, da un lato, stipendi, e, dall’altro, alcuna forma di sussidio. Di qui l’impegno a rappresentare in tutte le sedi istituzionali competenti tale problematica in quanto direttamente interessante il territorio del Monferrato Casalese e ad agire d’intesa, con la Provincia di Alessandria, il Comune di Casale Monferrato e gli altri Comuni ed Unioni di Comuni dell’Area Casalese, nonché con le Organizzazioni Sindacali e la Rappresentanza degli ex lavoratori Mondial Group al fine di un’azione di pressione politica nei confronti dell’Inps affinché l’Istituto previdenziale apra un tavolo di discussione finalizzato al superamento di tale situazione di sofferenza economica e sociale . “Ringrazio il Sindaco Paolo Monchietto e i colleghi della maggioranza consiliare per avere condiviso   la proposta – dice Massimo Iaretti – perché la crisi di un’azienda del territorio è una ferita per tutto il territorio. E se tutti gli enti locali faranno la loro parte l’auspicio è che l’Inps possa tornare sui propri passi e dare una risposta, non burocratica ma concreta, a quella che è una vera e propria emergenza sociale”. Iaretti ha intanto depositato un’analoga mozione all’Unione dei Comuni della Valcerrina ed auspica che “anche in quella sede venga discussa al più presto”.