Home » TRIBUNA » Dibattito in Sala Rossa: “Arabia Saudita al Salone, chi sì e chi no”
DA PALAZZO CIVICO

Dibattito in Sala Rossa: “Arabia Saudita al Salone, chi sì e chi no”

di ilTorinese pubblicato martedì 26 maggio 2015

palazzo civico

Decisamente possibilisti  i contributi di alcuni consiglieri del Pd, come Laura Onofri per la quale “Occorre perseguire il dialogo e per questo motivo non vedo ostacoli alla presenza della Arabia Saudita”

 

L’invito all’Arabia Saudita come Paese ospite per l’edizione 2016 del Salone del Libro trova uniti, nell’opporsi destra e sinistra, passando anche per il centro. In Sala Rossa l’assessore alla cultura Maurizio Braccialarghe ha dovuto precisare la posizione dell’amministrazione comunale su richiesta dei consiglieri Maurizio Trombotto (Sel), Enzo Liardo (Ncd) e Maurizio Marrone (Fdi). E proprio quest’ultimo ha rivolto una domanda chiara al presidente della Regione ed al sindaco di Torino e ha evocato una opposizione secca all’invito: “Ma Fassino e Chiamparino che siedono nell’Alto Comitato di Coordinamento della Fondazione del Salone del Libro sapevano di questa scelta disgraziata? La condividono? 


Se non garantiranno un passo indietro, annuncio fin d’ora la costituzione di un Comitato contro l’Arabia Saudita paese ospite, che sono convinto saprà raccogliere l’adesione trasversale anche a sinistra di tanti politici e intellettuali intenzionati a tutelare la dignità dell’Occidente, anche al Salone del Libro.”: Sull’altro fronte dello schieramento politico Maurizio Trombotto ha detto senza mezzi termini che “individuare l’Arabia Saudita come Paese ospite dell’edizione 2016 del Salone del Libro è una selta politica ignobile, non accettabile, né condivisibile o sostenibile”. Medesima, anche se con toni leggermente più sfumati è la linea di Silvio Viale, radicale eletto nel Partito democratico: “Indipendentemente dalle scelte che verranno legittimamente effettuate, questa città non sarà indifferente di fronte alla presenza dell’Arabia Saudita al Salone del Libro nel rispetto del Salone stesso e delle donne”.

 

Decisamente possibilisti, invece, i contributi di altri consiglieri del Pd, come Laura Onofri per la quale “Occorre perseguire il dialogo e per questo motivo non vedo ostacoli alla presenza della Arabia Saudita”, Luca Cassiani “Non bisogna essere chiusi nei confronti ei pensieri differenti”, Michele Paolino. Per la giunta Braccialarghe ha evidenziato che “Faremo il punto con i nuovi responsabili del Salone del Libro per decidere anche sulle relazioni internazionali, già avviate da tempo con alcuni Paesi”. L’assessore ha sottolineato l’apertura alla presenza dell’Arabia Saudita,nel nome della cultura, ma ha fatto un distinguo: “Se il tutto si riducesse ad una ricerca di finanziamenti e sponsor da parte di un ricco Paese petrolifero, in tal caso chiederei che questa operazione si interrompesse subito”. Resta il fatto che la discussione è aperta e una sua soluzione, qualunque essa sia, non sarà indolore.

Massimo Iaretti