Home » LIFESTYLE » Indagine Cgia Mestre, dalla Regione Irpef record. Roma taglia e Torino tassa: rincari al top in Piemonte
L'INDAGINE DELLA CGIA DI MESTRE HA PRESO IN ESAME LE 5 REGIONI CHE HANNO RITOCCATO LE ADDIZIONALI

Indagine Cgia Mestre, dalla Regione Irpef record. Roma taglia e Torino tassa: rincari al top in Piemonte

di ilTorinese pubblicato mercoledì 21 gennaio 2015

REGIONE PALAZZO

Il dato è particolarmente significativo perche’ il numero dei contribuenti Irpef e’ pari al 41,4 per cento del totale nazionale

 

Come compensare il corposo taglio di trasferimenti da parte di Roma? semplice, con il solito vecchio ed efficae sistema di aumentare le tasse. E così le regioni con significativi  aumenti delle addizionali Irpef, colpendo soprattutto i redditi maggiori, cercheranno di fare cassa. La Cgia di Mestre, considerando che d agire sulle aliquote sono state al momento Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Liguria ed Abruzzo ha reso noti i dati della propria ricerca. In linea generale gli incrementi di imposta scatteranno per i redditi con piu’ di 40.000 euro e, ad esclusione della Lombardia, dove fino ai 100mila euro, non si avvertiranno differenze.

 

“Al netto degli obblighi di legge che hanno imposto ad alcuni governatori la modifica delle aliquote e anche degli scaglioni di reddito dell’addizionale regionale Irpef – spiega il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi – l’inasprimento dell’imposizione e’ legato anche al taglio dei trasferimenti deciso con l’ultima legge di Stabilita’. Nel 2015, infatti, le Regioni a statuto ordinario subiranno una riduzione delle risorse erogate dallo Stato centrale di 3,5 miliardi di euro che, in parte, sara’ compensata dall’aumento delle tasse locali”. Nonostante siano solo 5 le Regioni interessate dal monitoraggio, il dato è particolarmente significativo perche’ il numero dei contribuenti Irpef presenti in questi aree territoriali e’ pari al 41,4 per cento del totale nazionale. Nella classifica degli inasprimenti il Piemonte (seppur non toccando le fasce deboli) è tristemente al top. Dai 30mila euro di reddito in su potrà superare – per i Paperoni – i 2500 euro.

 

(Foto: il Torinese)