Home » prima pagina » Dal Tar una nuova mazzata per Chiamparino, ammesso il ricorso della Lega sulle firme false
NON E' CERTO UN BUON MOMENTO PER IL PD E PER IL GOVERNATORE: DAL GRATTACIELO ALLE DICHIARAZIONI DI SORIA. SENZA DIMENTICARE L'INCHIESTA SUI GETTONI GONFIATI NELLE CIRCOSCRIZIONI

Dal Tar una nuova mazzata per Chiamparino, ammesso il ricorso della Lega sulle firme false

di ilTorinese pubblicato mercoledì 18 febbraio 2015

chiamparino camicia

La decisione se torrnare o meno alle urne sarà però subordinata all’esito dell’inchiesta penale in corso sulla vicenda delle firme “tarocche”

 

Corsi e ricorsi, è proprio il caso di dirlo. E’ stato giudicato ammissibile il ricorso principale presentato dalla leghista Patrizia Borgarello al Tar del Piemonte. Nel ricorso si chiedeva di annullare le elezioni regionali del 2014 per le presunte irregolarità nella raccolta delle firme. La decisione se torrnare o meno alle urne sarà però subordinata all’esito dell’inchiesta penale in corso sulla vicenda delle firme “tarocche”. Così hanno deciso i giudici amministrativi della Prima Sezione che hanno dichiarato invece inammissibili gli altri due ricorsi incidentali.

 

Non è certo un buon momento per il Pd e per Sergio Chiamparino: prima rimborsopoli che, per quanto i consiglieri dem siano stati “graziati” all’ultimo ha lasciato segni di stress. Poi le polemiche e l’inchiesta sul grattacielo; e le vicende giudiziarie con i dieci indagati del centrosinistra per i gettoni gonfiati nella Circoscrizione 5. Che dire poi della mazzata di ieri inferta dalle dichiarazioni del patron del Premio Grinzane Cavour, Giuliano Soria, che dichiara di avere dato 25mila euro in nero all’allora sindaco di Torino, Chiamparino?

 

Ma il segretario regionale democratico Davide Gariglio minimizza, almeno sulla vicenda tar: “La sentenza di oggi del TAR contribuisce a fare un po’ di chiarezza: rigetta due dei tre ricorsi presentati e, dell’unico ricorso ammesso, respinge due dei cinque motivi di illegittimità contestati (in merito all’assegnazione dei seggi e al conflitto d’interesse degli autenticatori che risultavano anche candidati). “Sugli altri rilievi – prosegue Gariglio –  i giudici amministrativi attendono di avere  a disposizione i documenti elettorali ora in Procura. Non possiamo – conclude – fare altro che aspettare le valutazioni di merito, convinti della nostra buona fede e dell’infondatezza delle contestazioni”.

 

Non è dello stesso parere il capogruppo di Forza Italia in Regione, Gilberto Pichetto: “La pronuncia del Tar avvenuta oggi, credo renda evidente che il ricorso sulle firme false, raccolte dal centrosinistra, era fondato e non una questione puramente mediatica. È chiaro che la situazione che oggi vive la Giunta Chiamparino sia peggiore di quella che contraddistinse la precedente legislatura”. “Questo primo passaggio – conclude Pichetto – chiarisce definitivamente che la campagna elettorale condotta dal centrosinistra alle ultime regionali all’insegna della trasparenza e legalità in realtà è stata un mero atto di arrogante opportunismo”.