Home » LIFESTYLE » Dal Dopoguerra agli Anni di Piombo
Comitato regionale Resistenza e Costituzione

Dal Dopoguerra agli Anni di Piombo

di ilTorinese pubblicato sabato 12 settembre 2015

In questi 35 anni di storia del concorso più di 40 mila studenti e 1.500 insegnanti in tutto il Piemonte hanno approfondito insieme temi fondamentali dell’evoluzione del nostro Paese, affrontandoli spesso con un taglio innovativo e coinvolgente

 

TerrorismoLa strategia della tensione degli Anni di Piombo (il terrorismo in Italia tra il 1970 e il 1980), il Dopoguerra e la nascita della Repubblica italiana e l’attualissimo argomento delle migrazioni internazionali sono gli argomenti chiave da cui partono le tracce per gli studenti che intendono partecipare alla 35esima edizione del Progetto di Storia contemporanea bandito dal Comitato regionale Resistenza e Costituzione. In questi 35 anni di storia del concorso più di 40 mila studenti e 1.500 insegnanti in tutto il Piemonte hanno approfondito insieme temi fondamentali dell’evoluzione del nostro Paese, affrontandoli spesso con un taglio innovativo e coinvolgente.

 

Possono partecipare all’edizione 2015-2016 del Progetto gli studenti delle Scuole medie superiori e degli Enti di formazione professionale del Piemonte. È necessario iscriversi compilando il modulo disponibile sul sito del Consiglio regionale del Piemonte: www.cr.piemonte.it/storia e inviandolo entro mercoledì 18 novembre 2015 alla segreteria del Comitato Resistenza e Costituzione, via fax o email. L’avvio ufficiale del Progetto è preceduto da una giornata formativa per gli insegnanti, che si terrà a Torino, presso la sede del Consiglio regionale del Piemonte, lunedì 12 ottobre 2015. Tra ottobre e dicembre gli Istituti storici della Resistenza del Piemonte organizzeranno appositi momenti di formazione per insegnanti e studenti sui temi di ricerca.

La ricerca deve essere realizzata attraverso lavori di gruppo (composti al massimo da 5 ragazzi, coordinati da un insegnante di qualunque materia) e può produrre testi scritti, fotografie, realizzazioni artistiche, mostre documentarie, prodotti audiovisivi, multimediali o altro. Gli elaborati scritti devono essere al massimo di 50 cartelle mentre i video non devono superare i 60 minuti circa. Ogni lavoro deve essere accompagnato da una breve nota metodologica e bibliografica.

 

Gli elaborati dovranno essere trasmessi via mail entro il 16 febbraio 2016 al Consiglio regionale del Piemonte. La valutazione verrà effettuata da un’apposita commissione regionale, composta da docenti ed esperti di storia contemporanea degli Istituti storici del Piemonte e da esperti in prodotti audiovisivi e multimediali, che provvederanno a selezionare gli elaborati, formulando la graduatoria di merito e individuando i vincitori. La graduatoria sarà pubblicata sul sito del Consiglio regionale del Piemonte. Gli studenti vincitori saranno premiati pubblicamente a Torino presso la sede del Consiglio regionale e parteciperanno, accompagnati dall’insegnante coordinatore, ad un viaggio di studio in alcuni significativi luoghi della memoria in Italia o in Europa. 

 

Le varie tappe del Progetto, dalla presentazione dei temi fino alla premiazione e ai viaggi, troveranno ampio spazio anche sui Social network: la pagina Facebook del Consiglio regionale, l’account Twitter @crpiemonte e la webapp del Comitato Resistenza e Costituzione.

 

www.cr.piemonte.it