Home » prima pagina » Dal Cio e dal Coni non ci sono contrordini sulle Olimpiadi in collaborazione tra le due città
Il sindaco di Milano aveva dichiarato la sua contrarietà ad un “tandem” olimpico tra il capoluogo piemontese e quello lombardo

Dal Cio e dal Coni non ci sono contrordini sulle Olimpiadi in collaborazione tra le due città

di ilTorinese pubblicato mercoledì 21 marzo 2018

Ieri il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha incontrato a Losanna il capo del Cio, Thomas Bach, anche per discutere  delle tematiche relative al percorso per la candidatura per i Giochi olimpici  Invernali 2026. A tale proposito resterebbe in piedi l’ipotesi di doppia olimpiade organizzata tra Torino e Milano. Avevano preoccupato i torinesi le dichiarazioni del sindaco di Milano, Giuseppe Sala, che aveva detto no in mattinata  a un tandem con il capoluogo piemontese, ma il Coni e il Cio  paiono procedere per la loro strada, esaminando le proposte ricevute.  “Sulle  Olimpiadi la posizione non è cambiata. Io penso che Milano abbia tutte le carte in regola, ma non farà nulla senza un governo e il suo appoggio  – aveva detto il primo cittadino di Milano – è per un motivo semplice: organizzare le Olimpiadi  è molto costoso, e sarebbe una follia distrarre fondi per altre funzioni e altri servizi ai cittadini”.