Home » vetrina2 » Da Togliatti ai giorni nostri qualcosa è cambiato nel mondo delle coop
COOPERATORI TORINESI A REGGIO EMILIA

Da Togliatti ai giorni nostri qualcosa è cambiato nel mondo delle coop

di ilTorinese pubblicato sabato 4 giugno 2016

tosettoSTORIE DI CITTA’ / di Patrizio Tosetto

Reggio Emilia era la Mecca delle Coop rosse. Tutta l’Emilia Romagna in generale, ma in particolare Reggio, dove Palmiro Togliatti nel dopoguerra davanti ai dirigenti locali comunisti li esortò a “dirigere” le coop della Lega Coop. Da oltre 40 anni i cooperatori torinesi in modo cadenzato si recano a Reggio per svolgere al meglio il loro lavoro

cooperative

Noi piemontesi li abbiamo visti in azione nel 2006 sulle nostre montagne olimpiche. Soprattutto le Coop di produzione che da organizzatori del lavoro sono, di fatto,  diventate multinazionali delle costruzioni, o come si dice oggi : general contractors.

Appena Aldo Puttin mi ha invitato all’assemblea di bilancio del Consorzio Fra Costruttori a Reggio Emilia mi sono “fiondato”. Aldo dopo quasi un quarantennio  di “servizio” alle coop rosse finisce i suoi anni professionali come commerciale piemontese e ligure di questo consorzio. Tenerlo fermo è impossibile, macina km ed ogni offerta pubblica è sua. Propone alle imprese aderenti i lavori, indubbiamente instancabile lavoratore, supplendo alla crisi del settore, proprio con il suo instancabile lavorio.

Ritorno in un mondo lasciato 9 anni fa ma ben presto capisco che è “passato un secolo”. Nulla è come prima. Erman Bolzoni Presidente -riconfermato-  legge la relazione di bilancio ai soci, la maggioranza artigiani edili. La situazione è difficile ma si regge. Anzi, in alcuni casi gli stessi rapporti tra imprese di costruzione sono radicalmente cambiati.

Fallimenti, concordati preventivi modificano il tutto. Il consorzio ha tre “fronti”. Continuare ad acquisire lavoro per gli associati , recuperare crediti, appunto da quelle gradi imprese, coop, che hanno “toppato” e linee di credito per poter lavorare all’estero. Scontrandosi con le nostre leggi farraginose e scopro che il nuovo codice sugli appalti è “una boiata pazzesca”.

Aumenta i costi per partecipare alle gare lasciando al caso ed al massimo ribasso l’aggiudicazione. Il monte di lavori aggiudicato oscilla da 25 a 30 milioni per anno e Aldo “contribuisce” ogni anni con consistenti quantità di lavori aggiudicati. Ripeto, il Consorzio tiene duro.

Anche dove siamo si stigmatizza la diversità con  ieri. Siamo ospiti della Confederazione Cooperative, per capirci le coop bianche, le coop d’ispirazione cattolica. Riconferma del Cda ed elezione di Erman Bolzoni a Presidente. Poi salutare pranzo nelle colline reggine.

Ottima ospitalità e tra un bicchiere di lambrusco e pan fritto le mie domande vengono soddisfatte da un cortese presidente. Una per tutte: Si sono incontrati con le organizzazioni di categoria per questa nuova legge sugli appalti? Quasi sicuramente, ma le grandi imprese hanno solo più lavori all’estero.

Pessimista o ottimista? Risposta : sono ottimista sulla nostra capacità di lavoro, la scelta di Aldo conferma questa direttrice, pessimista per una realtà che si complica sempre di più. E’ ora di tornare a casa. Di sabato non ci sono tantissime auto sull’autostrada e si continua a parlare. La mia conclusione? Che quando ci saranno cooperatori come questi…qualche speranza la vera cooperazione l’avrà.