Home » TRIBUNA » “Da Paterson (USA) a Monza: gli anarchici che uccisero Umberto I”
ASSOCIAZIONE AMICI DEL MUSEO PIETRO MICCA E DELL'ASSEDIO DI TORINO DEL 1706

“Da Paterson (USA) a Monza: gli anarchici che uccisero Umberto I”

di ilTorinese pubblicato giovedì 4 gennaio 2018

Mercoledì 17 Gennaio 2018 – ore 17,30 Storica Conversazione​ presso il Museo Pietro Micca. Roberto GREMMO ​parlerà di: “da Paterson (USA) a Monza: gli anarchici che uccisero UMBERTO I”

Il Relatore ricostruisce la storia sconosciuta della cospirazione anarchica contro Umberto I, utilizzando l’ampio e inedito materiale documentario sul ​“caso BRESCI” dell’Archivio di Stato di Milano. PATERSON (cittadina del New Jersey-USA) all’inizio del ‘900 diventa la ​capitale dell’Anarchia​; qui agiscono decine di rivoluzionari, quasi tutti tessitori di origine biellese; essi credono ormai imminente la liberazione sociale e vogliono affrettarne la vittoria con un clamoroso ​“gesto esemplare”, quale l’uccisione di Umberto I di Savoia, secondo Re d’Italia. A. GUABELLO e G. GIANCABILLA organizzano il ritorno in Italia di L. GRANOTTI di Sagliano, detto ​il Biondino” e ​successivamente del pratese ​Gaetano BRESCI​, del panettiere trentino A. LANER, del barbiere elbano N. QUINTAVALLE; a Milano li attendono il fido C. COLOMBO, un individualista deciso e determinato. A fine luglio, gli ​anarchici venuti dall’America si preparano; quattro di loro si appostano al Regio Parco di Monza, pronti a colpire; ingannano l’attesa mangiando sardine e bevendo buon vino. L’azione è rinviata al 29 Luglio, durante il concorso di ginnastica, quando Gaetano Bresci spara sul Re: il primo colpo va a vuoto, ma i successivi tre uccidono il sovrano. Catturato, picchiato, processato e condannato all’ergastolo, Gaetano BRESCI morrà in drammatiche circostanze al penitenziario dell’isola di Santo Stefano (nell’arcipelago ponziano). I suoi ​complici la faranno franca: il ​biondino ​Granotti tornerà a Paterson dove, con Guabello, continuerà a battersi per l’Anarchia, unendosi al vercellese Luigi GALLEANI. Useranno ​“Plains Words”, “parole semplici”.

***

Roberto GREMMO​, biellese di nascita ha insegnato per anni nelle scuole medie statali. E’ stato per dieci anni Consigliere provinciale di Torino, Consigliere comunale di Torino e Consigliere Regionale della Valle d’Aosta, sempre eletto in liste autonomiste. Dal 1995 pubblica la rivista “STORIA RIBELLE”. Ha scritto molti libri nella collana “Quaderni di Storia”, compresi “Gli anarchici che uccisero Umberto I”, “Mussolini e il soldo infame” e “I partigiani alleati dei nazisti”. Le informazioni e opinioni illustrate dagli oratori nel corso delle Conferenze sono espresse a titolo personale e non implicano alcuna responsabilità da parte dell’Associazione. Alla Conferenza possono assistere anche invitati dell’Associazione.