Home » prima pagina » Corteo No Tav mentre il ministero annuncia l’ok definitivo al progetto della Torino-Lione
IL COMANDANTE GENERALE DELL'ARMA DEI CARABINIERI HA VISITATO IL CANTIERE DELL'ALTA VELOCITA' DI CHIOMONTE

Corteo No Tav mentre il ministero annuncia l’ok definitivo al progetto della Torino-Lione

di ilTorinese pubblicato sabato 21 febbraio 2015

notav ovunque

tav manifestotav 333La tratta italiana è lunga 17 km, inizia  da Bussoleno e giunge fino al confine di stato, sotto la futura maxi-galleria di 57 chilometri

 

Il corteo (circa mille persone secondo la Questura) ha preso il via da piazza Statuto. la manifestazione era aperta dai sindaci della Valle di Susa in fascia tricolore. Molti i partecipanti da Milano e Bologna. Tanti i rappresentanti dell’Alessandrino, area interessata alla realizzazione di un’altra grande opera contestata, il Terzo valico.

 

Mentre i no tav di tutta Italia si sono dati appuntamento al corteo di Torino, è’ stato approvato dal Cipe il progetto definitivo della tratta italiana della Sezione Transfrontaliera della linea ad alta velocità Torino-Lione. Lo comunica il Ministero delle infrastrutture e trasporti, il quale annuncia che nel Summit intergovernativo di martedì prossimo  24 febbraio a Parigi sarà siglato il protocollo addizionale all’Accordo Italia-Francia del 2012. La tratta italiana è lunga 17 km, inizia  da Bussoleno e giunge fino al confine di stato, sotto la futura maxi-galleria di 57 chilometri.

 

“La Tav va avanti – ha detto il ministro maurizio Lupi a Sestriere per la winter school di Ncd – e si farà. Martedì abbiamo l’incontro bilaterale Italia-Francia, saranno fatti ulteriori passi avanti. Chi si è opposto a quest’opera può svolgere una utile funzione di controllo, ma la violenza è inaccettabile”.

 

Intanto il comandante dell’Arma dei Carabinieri, Tullio Del Sette, ha visitato il cantiere di Chiomonte. Con lui il comandante interregionale Pastrengo, gen. Vincenzo Coppola,  dal comandante della Legione Piemonte e Valle d’Aosta, gen. Gino Micale e dal  comandante provinciale, colonnello Arturo Guarino . Il vertice dell’Arma ha parlato con i militari che sono impegnati in Val Susa. Li ha ringraziati per “l’abnegazione e l’umanità con cui svolgono il loro servizio”.

 

(Foto: il Torinese)