Home » Cosa succede in città » La corsa ai saldi parte bene, i commercianti fiduciosi
OGNI FAMIGLIA SPENDERA' IN MEDIA 200 EURO. SI CALCOLA UN GIRO D'AFFARI SUPERIORE DEL 10% RISPETTO ALLO SCORSO ANNO

La corsa ai saldi parte bene, i commercianti fiduciosi

di ilTorinese pubblicato lunedì 7 luglio 2014

Le due fasce intermedie di spesa, da 100 a 250 euro e da 250 a 500, sono in crescita. Scendono, invece, quella inferiore (sotto i 100 euro) e quella superiore (oltre 500 euro)

 

saldisssGli esercenti sperano che possa essere un inizio di riscossa dopo stagioni e stagioni di crisi nera. Almeno che serva a adere una boccata di ossigeno alle attività commerciali. E’ la corsa ai saldi che ha preso il via anche nella nostra città.  

 

I professionisti dell’acquisto a prezzi ridotti si sono presentati all’alba davanti alle vetrine dei negozi di  abbigliamento firmato (nella foto a sinistra, sotto i portici di piazza San Carlo) e ai centri commerciali come la Rinascente, le Gru e l’8 Gallery del Lingotto. Non si è ancora verificato il pienone ma i commercianti sono ottimisti. L’Ascom di Torino e provincia calcola che ogni nucleo familiare spenderà circa 200 euro.   Le vendite a prezzi speciali proseguiranno fino  a sabato 30 agosto.  saldi3

 

In base alle proiezioni di Confesercenti, rispetto alla stagione dei saldi invernali,  dovrebbero aumentare i torinesi che acquisteranno durante il periodo di promozioni: 10 punti percentuali  in più, il 66,3% dei consumatori.  Le due fasce intermedie di spesa, da 100 a 250 euro e da 250 a 500, sono in crescita. Scendono, invece, quella inferiore (sotto i 100 euro) e quella superiore (oltre 500 euro). Tra i dati indicati da Confesercenti, nel primo quadrimestre 2014 le vendite di abbigliamento sono calate dello  0,2% e le calzature hanno segnato un  +0,4%.

 

L’ordinanza municipale che regolamenta la materia prevede che nei negozi deve essere esposta copia dell’informativa per i consumatori con le principali regole per i saldi di fine stagione. E in caso di violazione delle disposizioni il consumatore si può rivolgere alla Polizia Municipale. Ad esempio è obbligatorio da parte del commerciante indicare la percentuale dello sconto o ribasso effettuato, segnalando anche il prezzo normale di vendita. Per saperne di più sui saldi può essere utile consultare il  vademecum per i saldi di Altroconsumo.

 

(Foto: il Torinese)