Home » CULTURA E SPETTACOLI » Coordinamento No Zoo, venerdì in piazza
DAVANTI AL MUNICIPIO

Coordinamento No Zoo, venerdì in piazza

di ilTorinese pubblicato mercoledì 25 novembre 2015

zoo-torino“Dopo quasi trent’anni dalla chiusura dello zoo comunale, nonostante le ripetute rassicurazioni in senso contrario dell’Assessore Lavolta, Torino avrebbe il suo primo parco privatizzato, finalizzato alla riapertura di un nuovo zoo mascherato da “fattoria didattica”

 

 RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

 

Il Coordinamento No Zoo ha deciso di rimandare la propria iniziativa, inizialmente prevista per lunedì 23, a venerdì 27 novembre, sempre tra le ore 17 e le 19 di fronte a Palazzo di Città

 

In quell’occasione, i manifestanti delle associazioni e dei comitati animalisti e ambientalisti riuniti sotto l’egida del Coordinamento No Zoo, travestiti da animali dello zoo, insceneranno una vibrata protesta per ribadire il proprio netto NO al progetto approvato dalla Giunta per la “riqualificazione” di Parco Michelotti.

 

Dopo quasi trent’anni dalla chiusura dello zoo comunale, nonostante le ripetute rassicurazioni in senso contrario dell’Assessore Lavolta, Torino avrebbe il suo primo parco privatizzato, finalizzato alla riapertura di un nuovo zoo mascherato da “fattoria didattica”. Se passasse il progetto, mucche, capre, galline, conigli, oche, pesci, farfalle sarebbero detenuti in quest’area, con paradossali pretese “educative e scientifiche”, proprio da parte di chi gestisce uno zoo, spazio che la Città di Torino – con un gesto di civiltà – aveva deciso trent’anni fa di chiudere.

 

“Chiediamo con forza al Comune di fare marcia indietro e di scongiurare la privatizzazione del parco – dichiarano le associazioni e i comitati aderenti al Coordinamento. Parco Michelotti deve finalmente tornare ai cittadini, anziché diventare un nuovo triste carcere degli innocenti. Nel corso degli ultimi anni, – aggiungono – abbiamo ricevuto ripetute rassicurazioni da parte dell’Assessore Lavolta sul fatto che il parco non avrebbe ospitato un solo animale. Ci auguriamo che Lavolta non intenda  passare alla storia come un bugiardo, e che voglia invece tener fede alla parola data”.

 

Come dimostrano i documenti in possesso delle associazioni, il progetto di Zoom Torino Spa, unica partecipante e vincitrice, lo scorso 14 ottobre, di una gara d’appalto scritta evidentemente a sua immagine e somiglianza, era nota all’Assessore Lavolta già da luglio 2014, e prevedeva chiaramente la detenzione di animali. Zoom è una realtà già tristemente nota per la gestione del Bioparco di Cumiana, dove vengono detenute specie animali, acquistate come oggetti in ogni parte del mondo,  a scopi commerciali travestiti da finalità scientifico-educative.

 

“E’ inaccettabile e offensivo nei confronti dei cittadini – prosegue il Coordinamento No Zoo – che un piano di privatizzazione di un’area pubblica, che al contempo prevede lo sfruttamento di animali per fini di lucro, sia presentato come un progetto di educazione e sensibilizzazione ambientale. Non è certo questa l’educazione al rispetto dell’ambiente e di ogni specie vivente che dovremmo trasmettere ai nostri figli e alle generazioni future”.

 

Il Coordinamento No Zoo chiede inoltre all’Assessore Lavolta di spiegare che fine abbiano fatto le altre proposte di gestione dell’area che, come lui stesso ha dichiarato e come dimostrano i documenti allegati, sono pervenute al Comune nel corso di questi anni. Le associazioni chiedono inoltre, per quale ragione, nonostante i diversi progetti presentati, si sia arrivati alla definizione di una gara d’appalto alla quale un solo soggetto aveva le caratteristiche per partecipare e vincere, ovvero Zoom Torino Spa.

 

Il Coordinamento No Zoo sottolinea come l’unica strategia di “riqualificazione” di Parco Michelotti che il Comune di Torino sia riuscito a portare avanti sia quindi stata quella di privatizzare l’area – per di più per un tozzo di pane – a vantaggio di uno zoo. Se questo piano andasse in porto, il parco non sarà più accessibile ai cittadini se non dietro pagamento di un biglietto. Tutto questo nonostante le proposte alternative avanzate anche da associazioni senza scopo di lucro, con le quali si sarebbe potuto discutere di progetti educativi più seri.

 

“Con la manifestazione di lunedì chiederemo a gran voce alla maggioranza di Giunta di ripensare radicalmente il progetto – conclude il Coordinamento –  evitando così di generare una ferita profonda ed un inutile muro contro muro con le associazioni, i comitati  e  i cittadini, in vista delle prossime elezioni”.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE