Home » vetrina2 » Cooperativa di comunità, il primato di Monteu
I risultati dello studio di fattibilità

Cooperativa di comunità, il primato di Monteu

di ilTorinese pubblicato mercoledì 1 febbraio 2017

monteu2La cooperativa di comunità potrebbe essere lo strumento ottimale per generare economia sul posto, da un lato, e fare crescere il senso di aggregazione e di appartanenza, dall’altro, in un ambito comunale o territoriale. E Monteu da Po ha tutte le carte in regola per proseguire su questa strada. Ciò è quanto emerso dall’incontro che si è tenuto lunedì 30 gennaio al Teatro Comunale nel corso del quale sono stati presentati i risultati dello studio di fattibilità condotto da Maria Filippo, in collaborazione con il Comune. La posizione del paese nella Valle del Po, il sito di Industria, la presenza dei migranti con tutta la sua vivacità saranno le direttrici sulle quali il comitato promotore dovrà muoversi nelle prossime settimane e nei prossimi mesi. Monteu, centro della Città Metropolitana di Torino, è il primo comune in Piemonte a portare avanti un progetto pilota che ha già precedenti in Puglia, Lombardia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Basilicata, Campania ed Abruzzo. E Ivan Straneo, sindaco di Melpignano, centro della Provincia di Lecce, ha ricordato il percorso avviato nel suo Comune, evidenziando che queste esperienze devono avere sostanzialmente due elementi fondanti: la partnership pubblico/privato e gli utili devono essere reinvestiti a favore della comunità cui la cooperativa appartiene. Straneo, che è anche presidente dell’associazione dei Borghi autentici d’Italia, ha sottolineato che l’oggetto sociale della cooperativa “è un come un vestito da indossare a seconda dell’occorrenza, essa può occuparsi anche di agricoltura, turismo, risparmio energetico, ambiente” . Con l’assessore Marco Ferrero a fare gli onori di casa (il sindaco Laura Gastaldo non ha potuto intervenire perché indisposta) in sala c’erano anche i sindaci di Cavagnolo e Brusasco, Mario Corsato e Laura Trombadore ed il consigliere delegato al turismo dell’Unione Valcerrina, Massimo Iaretti.

I.M.