Home » vetrina11 » “Contemporary art week”: da The Others a Operae, l’amore per il bello ha invaso la città
Torino si riconferma città di cultura.  Numeri da capogiro per la settimana dell’arte contemporanea con un boom di visitatori provenienti da tutto il mondo

“Contemporary art week”: da The Others a Operae, l’amore per il bello ha invaso la città

di ilTorinese pubblicato sabato 12 novembre 2016

Code per entrare alle fiere di arte contemporanea, grandi performance per l’avanguardia musicale del Club to Club. Da The Others a Operae, anche quest’anno il tanto atteso weekend torinese è stato un successo

arte-ricci-3

“La bellezza salverà il mondo”, diceva un saggio. Il weekend dell’arte si è concluso e già ne proviamo nostalgia. Il primo fine settimana di novembre è uno di quei momenti torinesi che ci fa sentire orgogliosi della nostra città e della sua impronta culturale – quell’impronta che non vorremmo perdere. Alberghi pieni, ristoranti stracolmi, file e file di persone, tutte unite dall’amore per il bello. Da The Others a Operae, da Flash Back a Paratissima, da Nesxt a Dama, fino alle vecchie glorie Artissima e Club to Club.  26 mila i visitatori che hanno affollato l’ex ospedale Maria Adelaide da giovedì a domenica sera. Una nuova ambientazione per la stessa atmosfera un po’ lugubre e dimessa che tanto caratterizza la fiera delle giovani gallerie di The Others art fair: nonostante l’abbandono delle carceri, il cortile dell’ospedale e i suoi corridoi sono stati comunque presi d’assalto e lunghissime erano le file fuori dall’entrata. <Sono felice perché il cambio di sede è stata una bella sorpresa – ha raccontato Andrea Casiraghi, l’organizzatore -: gli spazi erano più arte-ricci-2ampi e più fruibili dal pubblico, fatto che ha reso più felici anche gli stessi espositori. Inoltre ci siamo trovati molto bene a Borgo Rossini: il quartiere ha risposto molto positivamente al nostro arrivo>. Da quest’anno la nuova impronta della fiera è il “nomadismo culturale”, spostarsi in luoghi abbandonati della città per riqualificarli: <Certo ci piacerebbe rimanere ancora un anno, con l’obiettivo di raddoppiare le gallerie e aprire il piano superiore – ha concluso Casiraghi -; poi, chissà>. Piume disegnate con perfezione metodica, uova che diventano teschi se non vengono accudite, stanze fatiscenti che riprendono vita con l’estro di un disegnatore, esplosione di sentimenti su una tela di arte-ricci-1colori. A The Others il talento è di casa. Artissima ha visto l’arrivo di 50 mila visitatori, 2500 collezionisti, 193 gallerie in rappresentanza di 34 paesi. Cinquanta i curatori e direttori di musei che hanno disposto le ben 2 mila opere d’arte che hanno invaso l’Oval Lingotto. La novità di quest’anno sono state le tre nuove sezioni: Present Future, per i nuovi talenti; Back to the Future, per i grandi artisti pionieri del passato, e Per4m, lo spazio dedicato alle performance. Grandi numeri anche per Paratissima. 600 artisti emergenti, 37 creativi premiati, 14 gallerie di arte contemporanea, 17 nazioni, 5 progetti internazionali, tantissimi bambini e famiglie. Girando per la fiera di Torino Esposizioni non si può non rimanere attratti dai cerbiatti di Betty Amicucci, dove microcosmo e macrocosmo si mescolano arrivando all’onirico, oppure dai bellissimi libri di Maurizio Alfero, che con cura metodica piega pagina per pagina trasformandole in scritte o disegni tridimensionali. E poi ci sono le polaroid incastrate in custodie di vecchi Cd del progetto #sottoilcieloditorino, le ironiche statue di Viviana Greganti che lanciano appelli come “Dio dammi un segno della tua assenza”, oppure i dipinti su erba sintetica di Gian Luca Zuccarello. Fino ai bellissimi gioielli di ArkyFly, dove i quadri, i baffi e lo spirito di grandi pittori e artisti prendono vita nel plexiglass. 44 gallerie e 14 mila visitatori per Flashback, all art is contemporary, la fiera di arte antica e moderna che invade il Pala Alpitour, mentre 33 designer e oltre 18 mila e cinquecento i visitatori di Operae, il primo festival dedicato al design indipendente a Palazzo Cisterna. Alto livello qualitativo, partecipazione internazionale e business le tre parole chiave; Designing the future il tema. Grande l’apprezzamento per Piemonte Handmande, il progetto che vede la sinergia di artigiani locali, designer e gallerie di design contemporaneo, riuniti insieme per produrre dieci progetti unici chearte-ricci-4 sono stati presentati in anteprima all’interno della fiera. Un modo concreto per valorizzare la tradizione artigiana proiettandola fattivamente verso il futuro. Dulcis in fundo, successo totale per il Club to Club, il più grande festival di musica elettronica in Italia: più di 50 artisti provenienti da 15 paesi del mondo, 70 performance tra cui 18 in esclusiva italiana e 12 in anteprima assoluta, ma soprattutto 45 mila spettatori provenienti da 33 paesi del mondo. Quaranta le ore di musica suonate tra i capannoni industriali dell’Oval, le calde atmosfere della Reggia di Venaria e l’intimità del Conservatorio Verdi. Il tutto per ospiti d’eccezione: da Jonny Greenwood dei Radiohead feat il compositore israeliano Shye Ben Tzur a dj Shadow, da Arca a Ghali. Quest’anno l’obiettivo era spaziare in più generi musicali, dal rock industrial degli Swans ai ritmi africani di Nan Kolè all’ipnosi noise degli Autechre fino alla dance di Laurent Garnier. E ha funzionato. Con la sua “contemporary art week” da tutto esaurito, Torino si riconferma città di cultura, arte e amore per il bello.

 

Giulia Ricci

 

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE