Home » Cosa succede in città » La conquista della felicità secondo Servillo
A TORINO SPIRITUALITA'

La conquista della felicità secondo Servillo

di ilTorinese pubblicato mercoledì 24 settembre 2014

servilloIl testo di Russell offrirà uno spunto per riflettere sul significato della felicità e su come possa essere un tassello essenziale nella vita di ciascun individuo per prevenire guerra e violenza

 

Tra poche ore apre la nuova edizione di Torino Spiritualità che quest’anno ha come tema portante Il cuore intelligente con il rimando al Libro dei Re e alla  preghiera di Salomone rivolta a Dio in cui gli chiede di concedergli “un cuore  intelligente”. Cinque giorni di appuntamenti tra letture, riflessioni, dialoghi e lezioni. Due gli appuntamenti di rilievo della prima giornata. Si apre alle 18 dal Teatro Regio di Torino con una lezione del filosofo e sociologo Zygmunt Bauman, ideatore del concetto di “modernità liquida”, che disquisirà sul volume in uscita per Laterza, Su Dio e sull’uomo.

 

L’appuntamento che inaugurerà la decima edizione di Torino Spiritualità è a ingresso libero. Questa sera alle 21.30 al Teatro Regio grande attesa per il reading di Toni Servillo su La conquista della felicità del filosofo Bertrand Russell con accompagnamento al pianoforte del maestro di fama internazionale Roberto Prosseda. Come per la passata edizione, sul palco del Regio voce e pianoforte accompagneranno il pubblico in un riflessione sulla vita. Lo spettacolo nasce da un’idea di Roberta Lena ed è curato dal Circolo dei Lettori, la voce del pluripremiato Servillo si accompagnerà alle note di Schumann. Il testo di Russell offrirà uno spunto per riflettere sul significato della felicità e su come possa essere un tassello essenziale nella vita di ciascun individuo per prevenire guerra e violenza. 

 

Toni Servillo, attore simbolo de La Grande Bellezza (2014) di Paolo Sorrentino, reduce dalla vittoria degli oscar e dei David di Donatello, che con Sorrentino aveva già collaborato precedenza (da Le Conseguenze dell’amore al Divo) tornerà a Torino nella primavera per recitare e dirigere ne Le Voci di Dentro da un testo di Eduardo de Filippo. Lo spettacolo che vedrà sul palco anche il fratello Peppe Servillo fa parte del nuovo cartellone del Teatro Stabile. 

 

Cristina Colet