Home » vetrina9 » Coniolo capitale del Folk
festival di musica popolare

Coniolo capitale del Folk

di ilTorinese pubblicato mercoledì 15 giugno 2016

lou-dalfinDa questo venerdì 17, per tre giorni, Coniolo, centro collinare del Monferrato che si affaccia sulla valle del Po, diventerà una capitale della musica tradizionale del Piemonte, con molti gruppi provenienti dalle valli del torinese. Torna “Coniolo in folk”, festival di musica popolare organizzato dall’associazione Coniolo è, con il patrocinio del Comune al Centro sportivo Cascine Frati. Sino a domenica sette gruppi proporranno brani ed arie che risentono della tradizione piemontese ed occitana. Si parte alle 21.12 con Polveriera Nobel, gruppo nato nel 2004 tra la Valsusa e la Valsangone che anticiperà i valdostani L’Orage con la loro proposta di “rock della montagna”, con il recente disco “Macchina del tempo” e, alle spalle, una collaborazione con Francesco De Gregori. Il sabato è tutto all’insegna dell’Occitania con lo stage di danze popolari, dalle 16, a cura di Daniela Mandrile. La serata, invece, partirà con i Lou Tapage che faranno da battipista per i Lou Dalfin, mostri sacri del settore, con oltre 1400 concerti. Qui proporranno il nuovo disco “Musica Endemica” pubblicato il 1 aprile scorso a presentato a Borgo San Dalmazzo. Domenica sera, invece, l’ouverture sarà a cura del gruppo Baraonda Meridionale di Casale, nato nel 2004 ed ispirato alla notte della Taranta, vissuta durante un viaggio nel Salento. Infine una chicca per un folkcontest: la presenza e la musica di Paolo Bonfanti e la sua band, gruppo rock che presenterà per lo più brani tratti da “Back home alive”, registrato dal vivo nel febbraio 2015 al Teatro Municipale di casale Monferrato. Inoltre verrà premiato Paolo Bonfanti, musicista, cantante e produttore discografico per la sua capacità di fare convergere diverse esperienze musicali e dare così vita ad una miscellanea affascinante ed originale. Per ogni serata il prezzo del biglietto è di 8 euro, chi acquista biglietti per le tre serate pagherà invece diciotto euro.

Massimo Iaretti