Home » POLITICA » Confronto civile tra candidate
SERATA ELETTORALE

Confronto civile tra candidate

di ilTorinese pubblicato martedì 20 febbraio 2018
STORIE DI CITTA’ di Patrizio Tosetto
:
Un venerdì sera dedicato alla campagna elettorale.Fino a  Nichelino. Bisogna proprio averne voglia, sera fredda come é di moda in questo febbraio. Bisogna averne proprio voglia, ma ci tocca, per farmi un po’ di coraggio mi sono detto: magari ci trovo qualcosa di nuovo. Difficile ma non impossibile. Di fatto comincia proprio bene. Non trovando il posto chiedo lumi ad un signore che gentilmente mi accompagna in auto. Bene, la gentilezza e disponibilità non è morta nel nostro paese.Centro sociale in via Galimberti. Sala piena, positivo. Quattro candidate . Oltre la parità di genere, altro elemento positivo.Per il PD Anna Rossomando.Forza Italia Claudia Porchietto.Erika Faienza Liberi e Uguali. Roberta Cavuoti Movimento 5 stelle. Finalmente un confronto civile tra i candidati. Nessun urlo, nessuno che interrompe. Altro passo in avanti. Poi un dibattito a due velocità. Due binari neanche paralleli. Faienza e Cavuotii da una parte, Rossomando e Porchietto dall’altra.  Le prime due che si sforzano di legittimarsi come possibili vincitori. Candidate nell’uninominale e difficilmente elette.

Liberi e Uguali tentenna nel rispondere alla domanda : fate solo danno al pd avvantaggiando il centro destra? Le cose cambiano ed a Nichelino il primo partito sono i pentastellati. Più volte la Cavuoti insiste sui suoi 25 anni. Attacca il pd per il dissesto del Comune di Torino omettendo che i certificatori si sono dimessi in polemica con Appendino e non con Fassino. Diciamolo in altro modo: entrambe mi sono sembrate gentilmente fuori gioco. Viceversa Rossomando e Porchietto partono dalla loro esperienza politico-amministrativa. Porchietto come assessore regionale. Rossomando deputato  per due legislature. La prima ha fatto e se eletta farà  una difesa d’ufficio della flat tax. La seconda abbiamo fatto ciò che é  comunque sempre migliorabile e continueremo nel fare ciò che abbiamo intrapreso. L’essenziale sta nel clima costruttivo. Per me è la prima volta. Credo e  spero che non sia l’ ultima. Mancano 15 giorni e abbiamo giusto il tempo per confermare di essere un popolo civile.