Home » Brevi di cronaca » Confiscati i vasi romani (illeciti) dell’antiquario defunto
Nel 2012 i carabinieri erano intervenuti per placare la lite tra gli eredi

Confiscati i vasi romani (illeciti) dell’antiquario defunto

di ilTorinese pubblicato martedì 23 gennaio 2018

Sono stati confiscati gli oltre duecento reperti archeologici, di origine etrusca e romana, scoperti per una diatriba tra parenti per l’eredità, nell’abitazione di un noto antiquario torinese, morto di recente. Sono vasi e di ceramiche, di epoca tra il VI e il III secolo a.C., del valore di oltre 300 mila euro. Gli oggetti erano custoditi nella credenza del salotto dell’antiquario. Nel 2012 i carabinieri erano intervenuti per placare la  lite tra gli eredi. Il Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dell’Arma e la Soprintendenza del capoluogo piemontese hanno individuato  altri reperti illecitamente detenuti.