Home » LIFESTYLE » Comitato diritti umani, Leo: “Impegno contro la violenza di genere”
CONVEGNO IL 30 APRILE AL CIRCOLO DEI LETTORI

Comitato diritti umani, Leo: “Impegno contro la violenza di genere”

di ilTorinese pubblicato lunedì 27 aprile 2015

Leo33Nasce in Piemonte un nuovo Comitato per i diritti umani voluto dal Presidente del Consiglio regionale  Laus. Tra i componenti del Comitato, Giampiero Leo è uno dei più impegnati nella lotta  alle discriminazioni e  violenze contro le donne

 

Nasce in Piemonte un nuovo organismo estremamente prezioso per le donne, che si occuperà specificatamente delle tematiche femminili e delle problematiche relative a stalking,  violenze e discriminazioni subite dalle donne nella quotidianità.  È il Comitato per i diritti umani, che si insiedera’ il 7 maggio prossimo, in seguito alla votazione da parte del Consiglio regionale, avvenuta il 14 aprile scorso. Il Comitato si occuperà del vasto tema della violazione dei diritti umani, nell’ambito del quale la più diffusa e tragica è quella esercitata ai danni delle donne, spesso in seno allo stesso ambiente domestico.

 

“Sì tratta di discriminazioni – spiega Giampiero Leo, uno dei componenti  del Comitato e ex assessore e consigliere regionale in Piemonte –  che vanno da vere e proprie privazioni dei diritti, come accade nei Paesi a fede islamica, fino a violenze fisiche e morali, che si insidiano negli ambienti più vicini alle donne. Oggi in Occidente non si può parlare più di discriminazioni politiche, in quanto le donne ormai, da decenni, hanno conquistato il diritto di voto, ma serpeggiano, invece, ancora violenze e discriminazioni molto più subdole, sia nel mondo del lavoro, dove la maternità è ancora considerata discriminante per il progresso lavorativo della donna, vista come un soggetto debole, sia in ambito domestico, dove spesso le violenze fisiche e psicologiche vengono subite quotidianamente tra le mura domestiche, o subito dopo la decisione di separazione dal coniuge”.

 

“Stalking e femminicidio –  prosegue Leo – dimostrano una profonda arretratezza culturale e civile, presente in Italia ancora in molti strati della società”.  Il tema delle discriminazioni femminili costituirà  il cardine dell’attività del Comitato, nato anche grazie alla sensibilità e operatività del presidente del Consiglio regionale del Piemonte, Mauro Laus.  Sarà composto da sette membri politici e dieci esperti; dei sette politici il presidente del Comitato coincide con il presidente del Consiglio regionale Laus, che può nominare due vicepresidenti. Dei sette membri due vengono eletti dai membri dell’Ufficio di Presidenza e quattro sono votati dal Consiglio regionale, scelti tra consiglieri regionali in carica o ex consiglieri. Sono stati eletti nell’ordine dal Consiglio regionale Giampiero Leo con 35 voti, Eleonora Artesio con 30 voti, Enrica Baricco con 26 voti e Gianna Gancia con 11 voti.

 

Giampiero Leo,  già assessore regionale alla Cultura, parteciperà,  sempre sul tema a lui caro della discriminazione contro le donne, a un interessante convegno, il 30 aprile prossimo, promosso da “Civico 20 News”, in collaborazione con l’associazione “Borgo Dora- i residenti in torino”, dal titolo “Vittime di genere. Dove, cosa, come prevenire e contrastare la violenza sulle donne”. Si terrà il 30 aprile alle 20.45, a ingresso libero,  presso il Circolo dei Lettori, in via Bogino 9. A moderare sarà Rodolfo Alessandro Neri e primo tra i relatori Vittorio Nessi, Procuratore Aggiunto di Torino, che interverrà sul tema “Analisi di una strage silenziosa”. Seguiranno gli interventi del Sostituto Procuratore della Repubblica,  Saverio Pelosi sul tema “Non chiamatelo amore”, del medico Elena Cerutti, autrice del libro “Lo sconosciuto”, e del Neuro Counselor relazionale Sergio Audasso.

Mara Martellotta

 

Per informazioni: 3201861523.     3485175758